Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Burger Bar Grill, è il cliente a decidere la cottura

L'indirizzo

Burger Bar Grill, è il cliente a decidere la cottura

Aperto a Roma il ristorante dove la carne puà essere cucinata direttamente dall'ospite con il Grill Table. In cantiere l'apertura a New York

Roma- Dal Sud al Centro Italia per arrivare a New York. Insomma la scommessa è coniugare il Vecchio Continente al Nuovo Continente tramite la città eterna dove ha aperto da alcuni mesi Burger Bar Grill (Via dei Filippini, 4) e dove gli elementi della storicità di Roma (provare per credere) sono all’interno del locale sito vicino a Piazza della Chiesa Nuova e  a due passi da Piazza Navona nel pieno centro città. Dopo la capitolina l’apertura quindi nella Grande Mela è vicina e il ristorante si chiamerà Borsalia in modo da ricordare le origini italiane e il filo conduttore della cucina: cottura della carne su grill in un contesto di Borsa della carne per la varietà del prodotto offerto.  Ad aiutare nell’impresa Bruno Barbieri, chef stellato e noto giudice di Masterchef chiamato in causa dai soci Paolo Venturini, Mara Scaramuzzo, Andrea Meo, Cristiano Rossi e Adriana De Martino, questi ultimi moglie (di origine newyorchese) e marito proprietari dei Burger Bar Cargo di Salerno e Avellino e promotori dell’espansione commerciale in terra romana che ha coinvolto gli amici diventati compagni di avventura, ora convinti assertori anche dello sbarco americano. Al centro invece della proposta culinaria un mix italiano-americano visto il format pensato e proposto con un’apertura sin dalla prima mattina.

Ecco dunque che sfogliando il menù parte con la Colazione all’Italiana completa di caffè, torte, cornetti e piccola pasticceria e la Colazione Internazionale con pancakes, belgian waffles, eggs benedict, french toast, yogurt parfait, granola homemade e custom omelette.  La vera aspettativa  è però per l’ora di pranzo o per la cena dove il cliente può cuocere direttamente la carne sul Grill Table (le griglie sono incassate dentro i tavoli) o farla preparare dagli chef Gianluca De Simone e Vincenzo Grillo tra una scelta che va dalla carne di maiale (costata di capocollo, salsiccia, pancetta, asado, arrosticini, costine);  a quella di manzo (filetto, t-bone, tomahawk, costata, entrecôte, tagliata, coperta di costata, arrosticini, picanha, hamburger) per arrivare al pollo (petto, salsiccia, coscia, ala) e al pesce  (coda d'astice, tonno, ostriche, salmone, cozze), il tutto accompagnato da verdure di stagione. Rimane inoltre chiara la possibilià, per coloro che non amano il brivido del Grill Table, di ordinare senza problemi Burger di carne e pesce cotti alla griglia ma anche vellutate, insalate e sandwiches. Non manca inoltre la proposta bar e l’aperitivo, con cocktail, taglieri e altre sfiziosità.  Infine ai i più giocherelloni è data la possibilità personalizzare il panino sia a pranzo che a cena, optando tra innumerevoli combinazioni. Il cliente può scegliere infatti la dimensione del panino, il tipo di pane, di burger, di formaggio, di verdura, di salume e di salsa per arrivare a creare così il proprio burger preferito.  Il ‘gioco’ dell’assemblaggio può essere applicato anche alle zuppe e alle insalate.

Dal punto di vista architettonico e organizzativo il locale invece si sviluppa su due piani, di cui uno su strada e un altro situato a un piano inferiore, per un totale di 180 mq e 65 posti a sedere.  Il cliente, all’ingresso, è accolto dal bancone della carne e da una grande lavagna su cui giornalmente è segnata la Borsa della Carne. A seguire si accede alla zona bar per poi proseguire nelle Grill Room, due sale arredate con tavoli, sedie, banconi e griglie. Al piano inferiore lo stile cambia e la modernità cede il passo alla tradizione e alla storia.  Il cliente scende in una sala adibita a cantina, realizzata con mattoni a vista che custodisce un antico reperto storico posto all’interno di una teca. Qui è possibile scegliere il vino, le birre artigianali e  i salumi.

Gianluca Pacella

in data:22/05/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo