Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Casa Manfredi: l'ispirazione è francese, ma il cornetto è italiano

L'indirizzo

Casa Manfredi: l'ispirazione è francese, ma il cornetto è italiano

La pasticceria, presente nel quartiere Aventino di Roma, ha anche una proposta salata oltre alla preparazione di dolci e lievitati

Roma-  Pasticceria d’ispirazione francese ma con croissant e cornetti all’italiana. E’ il trait d'union che fa di “Casa Manfredi” speciale e unica per chi ama lievitati e dolci. La pasticceria, nata da Giorgia Proia, con una formazione d’architetto e un presente da pasticcera e Daniele Antonelli, frontman e con un padre lievitista, ha il suo habitat nell’elegante quartiere romano Aventino (viale Aventino 91/93), Il nome del locale, invece, riprende quello del figlio della coppia. Sorta per passione è anche gelateria artigianale e caffetteria. La sua attività è stata riaperta il 18 maggio con la Fase 2 dell’emergenza coronavirus.

Allestita su uno spazio interno ridotto (circa 50 mq totali) con laboratorio interno e un dehors con tavolini e sedie propone croissant, cornetto e integrale realizzati con farine macinate a pietra con lievitazione mista, che parte da una base di lievito madre e che sono declinati in diversi gusti e forme: il croissant alla mandorla, le girelle, la veneziana e molti altri. Tra le torte il forte è invece con quella ai 3 Cioccolati (biscuit al cacao senza glutine, namelaka al cioccolato bianco, suprema al cioccolato al latte, mousse di cioccolata fondente e glassa al cacao). Non mancano mignon, monoporzioni e  praline all’insegna di una filosofia “basata tutta sulla semplicità: dolci non troppo dolci, senza troppi elementi e voli pindarici”.

Presente nel laboratorio anche la preparazione dei grandi lievitati: il panettone nel periodo del Natale e la colomba in quello della Pasqua, “entrambi confezionati con packaging artistici  ed originali”. Il resto lo fa la proposta di gelato, del caffè e del pranzo dove a trionfare non sono solo i croissant salati farciti (lonza, salmone, fesa di tacchino, maionese fatta in casa o con il roast beef fatto dalla madre di Giorgia, Donatella Scapin che si occupa di tutta l’offerta della cucina), ma anche i piatti cucinati e insalate ricche condite con ingredienti selezionati

 

in data:29/05/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno