Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » Cibo: il taglio allo spreco è maturo

Filiera Corta

Cibo: il taglio allo spreco è maturo

Oggi la quota di italiani che ha raggiunto una consapevolezza alimentare è pari al 54%. A indicarlo è Actionaid sulla base di un'indagine condotta da Ipsos in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione e della campagna Operazione Fame

Roma- L’importanza di non sprecare cibo in Italia ha sempre più followers nel Belpaese. Ultimissimi dati sulla tendenza arrivano in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione (16 ottobre) e della campagna Operazione Fame. A fornirli è Actionaid sulla base di un'indagine condotta da Ipsos. La crisi economica che affligge il nostro Paese da 5 anni sembra aver avuto- si legge in una nota- un impatto molto significativo sui comportamenti di acquisto e di consumo per oltre la meta' degli italiani (51%), ancor piu' al Sud (59%) dove gli effetti della crisi hanno moltiplicato le gia' precarie condizioni di milioni di cittadini.

Sebbene il 56% degli italiani dichiari di comperare ancora molto piu' dello stretto necessario, diverse cause contribuiscono a stimolare scelte mirate davanti agli scaffali come a casa, complice anche una maggiore attenzione per la propria salute (73%), per l'ambiente (14%) e una nuova sensibilita' sugli impatti che il proprio consumo incontrollato puo' avere sul resto mondo (29%), inducendo gli italiani di fatto a impostare nuove regole di consumo a tavola. Nuove consapevolezze, quindi, che il campione interpellato da Ipsos (1.001 persone di eta' 18-60 anni) testimonia di aver acquisito: rispetto a 2 anni fa, per oltre la meta' degli italiani (54%) sono sensibilmente diminuiti gli alimenti che finiscono in pattumiera senza essere consumati, e si e' imparato a strizzare l'occhio a quelle variabili chiave che qualificano un prodotto alimentare: l'origine locale, quindi la filiera corta (50%), il rispetto della stagionalita' a favore della qualita' (48%) e un'attenta valutazione delle modalita' di acquisto, sfuso e a peso, con punte altissime nella fascia d'eta' 55-65 (94%) ma altrettanto significative nella fascia 25-34 (84%).

 Un italiano su 2 preferisce rifornirsi presso piccoli produttori locali e a "km 0", ma oltre alla qualita' anche il costo ha il suo peso specifico nelle scelte degli italiani, i quali individuano i prodotti alimentari soprattutto in presenza di una promozione (29%) o di un prezzo piu' basso rispetto ad altri cibi (24%). E' interessante notare come nella fascia 55-65 anni, lo spreco di alimenti scaduti o andati a male non capita quasi mai per oltre la meta' del campione (56%), dato che si dimezza per la fascia 25-34 (27%) tra i quali il 6% butta cibi deteriorati o scaduti tutti i giorni, a fronte della meta' sprecata dai 55-65enni.

L'indagine rileva come la crisi (51%) rappresenti solo uno dei fattori che ha indotto gli italiani a una maggiore attenzione al proprio stile di consumo alimentare; una leva importante emersa dall'indagine risiede nella sensazione di disagio e fastidio che procura lo spreco (64%) - percentuale che lievita al Nord (75%) e cala al Sud (55%) - e da una certa dose di senso di colpa (29%) nei confronti di quelle persone che, anche nel nostro Paese ormai, non hanno di che alimentarsi. Un italiano su 4, infatti, e' consapevole che il 13% delle famiglie dichiara di non potersi permettere un pasto adeguato almeno ogni due giorni, che 1/3 della produzione mondiale di cibo viene sprecato (47%) e che per ogni persona che non ha da mangiare al mondo ce ne sono due obese o in sovrappeso (26%); 1 italiano su 3 invece non ha ancora nessuna idea dell'impatto che gli attuali sistemi di agricoltura hanno sull'ambiente e sui consumi di combustibile per la produzione, mentre circa un quarto ritiene di esserne al corrente.

La maggiore sensibilita' degli italiani a questi temi sta provocando, secondo l'indagine, anche una crescita di attenzione nei confronti di Expo 2015: se a luglio 2013 quasi un italiano su 3 (28%) non era ancora a conoscenza dell'evento, a un anno di distanza il 78% e' consapevole del tema Alimentazione sana, sicura e sufficiente per tutto il pianeta, e oltre la meta' (54%) dichiara che intende visitare l'Esposizione milanese.

in data:15/10/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno