Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Confindustria: il "bello" e il ben fatto italiano vale 135 miliardi di export

Agronews

Confindustria: il "bello" e il ben fatto italiano vale 135 miliardi di export

Secondo lo studio confindustriale c'è un margine potenziale di incremento delle esportazioni pari a 82 miliardi

Roma- Il "Bello e Ben Fatto" italiano vale 135 miliardi di euro, rappresenta una parte consistente delle esportazioni complessive dell'Italia ed e' trasversale a tutti i principali comparti dal Made in Italy, seppure in maniera piu' marcata nei settori afferenti alle tre 'F': Fashion, Food and Furniture. E' quanto emerge da un'analisi condotta dal Rapporto Esportare la Dolce Vita, realizzato dal Centro Studi Confindustria, in collaborazione con Unicredit e con il contributo di Sace, Netcomm e Fondazione Manlio Masi. Secondo lo studio inoltre c'e' un margine potenziale di incremento delle esportazioni pari a 82 miliardi. 

Le eccellenze italiane, prosegue il report, "si dirigono prevalentemente verso i mercati avanzati, che insieme ne assorbono circa 114 miliardi di euro". Ammonta invece a oltre 20 miliardi di euro il quantitativo di eccellenze esportato verso i paesi emergenti, che, per il loro dinamismo offrono margini di crescita maggiori, a fronte comunque di rischi piu' elevati.
L'analisi, prosegue il report, "consente di ottenere una misura del potenziale di mercato dell'Italia nell'ambito del 'Bello e ben fatto', rispetto alla quale valutare il margine di miglioramento delle posizioni fin qui acquisite. Il potenziale si ripartisce per oltre tre quarti nei paesi avanzati (62 miliardi di euro) e per la restante parte negli emergenti (20 miliardi di euro)". 

I paesi avanzati rappresentano mercati piu' grandi e domandano con maggiore intensita' i beni del 'Bello e ben fatto'. Gli Stati Uniti, viene spiegato, "sono il mercato con il piu' alto potenziale in termini assoluti, 15,5 miliardi di euro di possibile export aggiuntivo. Potenziale elevato anche per Francia, Germania e Regno Unito, che complessivamente valgono 13,7 miliardi di euro di potenziale".
L'Italia presidia bene i mercati piu' dinamici. Il primo paese per potenziale e' la Cina con 3,9 miliardi di euro di export aggiuntivo possibile. Nel dettaglio, a fronte di un potenziale totale di 8,6 miliardi, l'export gia' realizzato e' il 60% circa (4,7 miliardi), mentre e' ancora sfruttabile il 40% del potenziale di crescita del settore. Tra i paesi emergenti, la Cina e' quello che offre maggiori margini di miglioramento anche nel medio-lungo termine. Le stime sullo stock attuale della classe media benestante e sull'aumento dei nuovi ricchi al 2025 e 2030, mostrano che i mercati asiatici sono gli assoluti protagonisti tra i mercati emergenti. La Cina si colloca al primo posto sia per dimensione attuale della classe benestante (265,6 milioni) che per la crescita nel prossimo quinquennio (70,2 milioni).

in data:20/07/2021

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno