Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Dieci ristoranti "cinque cappelli" guidano la ristorazione italiana

Agronews

Dieci ristoranti "cinque cappelli" guidano la ristorazione italiana

La lista dei migliori è della guida 'I ristoranti e i vini d'Italia 2020' de L'Espresso

Roma-  Sono dieci i ristoranti al vertice della ristorazione italiana secondo la guida 'I ristoranti e i vini d'Italia 2020' de L'Espresso, presentata oggi a Firenze. I locali hanno ottenuto il massimo punteggio di cinque cappelli. Gli esercizi ristorativi sono Casadonna Reale di Castel di Sangro, St. Hubertus di San Cassiano, Le Calandre di Rubano, Lido 84 di Gardone Riviera, Osteria Francescana di Modena, Piazza Duomo di Alba, Uliassi di Senigallia con  tre new entry: Seta del Mandarin di Milano, Madonnina del Pescatore di Senigallia e Villa Feltrinelli di Gargnano.

I nuovi 'cappello d'oro' sono Da Vittorio di Brusaporto e La Pergola del Rome Cavalieri a Roma, che si aggiungono a Caino di Montemerano, Casa Vissani a Baschi, Colline Ciociare ad Acuto, Dal Pescatore Santini di Canneto sull'Oglio, Don Alfonso 1890 a Sant'Agata sui due golfi, l'Enoteca Pinchiorri di Firenze, Lorenzo di Forte dei Marmi, Miramonti L'altro a Concesio, Romano a Viareggio, e San Domenico a Imola. Tra i premi speciali, Cantina dell'anno va a Taverna Estia di Brusciano, il Pranzo dell'anno al Lido 84, Giovane dell'anno è Paolo Griffa del Grand Hotel Royal golf-Petit Royal.

La cuoca dell'anno è Alessandra Del Favero di Aga Hotel Villa Trieste di San Vito di Cadore.

in data:14/10/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion