Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » "Donizetti", in primo piano sei creatori del gusto

L'indirizzo

"Donizetti", in primo piano sei creatori del gusto

A Milano un nuovo concept store enogastronomico di 2.700 metri quadrati mette al centro il rapporto tra produttori e consumatori

Roma- Dal caffè del buongiorno a un’offerta fresca di frutta e verdura di stagione, dalla pasta fresca fatta sul momento al cibo di strada all’italiana; formaggi e affettati di Parma sono abbinati ai vini di un progetto enologico sostenibile mentre pesce appena pescato carni fresche al taglio sono protagoniste a un ristorante aperto a pranzo e a cena. E’ la proposta di Donizetti il nuovo concept store milanese (Piazza Piazza di Città di Lombardia, 1-Nuovo Palazzo della Regione) che porta in primo piano, in 2.700 metri quadrati, il saper fare di sei Creatori del Gusto che interagiscono tra loro e si mettono in gioco in prima persona: artigiani, cuochi e produttori proporranno menu e degustazioni sempre nuove ma anche  prodotti di prima scelta in vendita sia al dettaglio che da asporto.

Gli appassionati dunque, nell'ambito di un format imprenditoriale che propone eventi e  appuntamenti inediti per chi sceglie il saper fare e il saper vivere all’italiana, potranno iniziare la giornata con un caffè appena tostato da La Cafferia, la pluripremiata torrefazione artigianale che ha esportato nel mondo la passione italiana per il caffè, per poi passare all’ arte bianca e allo street-food tricolore più verace celebrati da Ueh con un’offerta di pane fresco  e ricette ready-to-go che percorrono lo stivale da nord a sud, fino arrivare agli sciàtt valtellinesi, agli arancini siciliani, alle piadine, pizze al trancio e torte salate ogni giorno sempre nuove.

Chi invece preferisce una pausa più leggera @gente naturale propone un’ampia gamma di verdura rigorosamente di stagione a partire da insalate componibili con ingredienti che arrivano direttamente  dai campi e vellutate eco-consapevoli, ma anche macedonie e centrifugati che portano in tavola il  ritmo delle stagioni.

Pasta Food è invece l’isola di gusto per dedicata alla pasta fresca. Ogni giorno lo chef stellato Lorenzo  Secondi dirige un’equipe che offre pasta fatta al momento e condita con sughi freschi che cambiano  ogni giorno. Un consiglio? Provate i ravioli allo zafferano con ripieno di ossobuco, un omaggio a  Milano rivisitato in chiave contemporanea.

2D PARMA: un’isola di gusto propone un’attenta selezione di formaggi e affettati abbinati ai vini di un innovativo progetto enologico che ha saputo unire tradizione e passione, ricerca e viticultura sostenibile riscoprendo un terroir assolutamente unico ed esclusivo. Imperdibile l’orizzontale di parmigiano reggiano 20, 24 e 30 mesi abbinata a un calice di Callas, la malvasia firmata Monte delle Vigne.

Sopraffino è infine il ristorante aperto a pranzo e cena che trasforma gli ingredienti di tutti i Creatori del  Gusto in piatti che reinterpretano i grandi classici della nostra cucina in chiave contemporanea. Nove  metri di bancone uniscono carni bianche e rosse e prodotti di rosticceria a pesce appena pescato  portato a Milano dalla famiglia Pedol. Da Sopraffino anche il sushi si tinge tricolore: il bianco del riso  cotto alla giapponese con dressing aromatico è avvolto dal rosso intenso del sashimi di tonno  siciliano, il tutto è coronato da “scaglie” di pomodoro e profumato da foglie di basilico.

in data:23/03/2014

Cerca

Multimedia

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo