Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Dopo lo spaghetto e il tiramisù arriva la pizza Eataly

Agronews

Dopo lo spaghetto e il tiramisù arriva la pizza Eataly

Dal 19 marzo ognuna delle pizzerie dello store introdurrà la propria specifica Pizza del Territorio, realizzata con ingredienti dei Presidi Slow Food e prodotti tipici locali

Roma- Fa il suo debutto oggi in tutta Italia la Pizza Eataly. Il progetto enogastronomico, dopo la stesura del Manifesto della Pizza Eataly, segue lo Spaghetto Eataly (2017) e il Tiramisù Eataly (2018).  Dal 19 marzo partendo da Eataly Milano ognuna delle pizzerie Eataly presenti a Torino, Pinerolo, Genova, Trieste, Firenze, Piacenza, Forlì, Roma e Bari introdurrà la propria specifica Pizza del Territorio, realizzata con ingredienti dei Presidi Slow Food e prodotti tipici locali che rappresentano la biodiversità del territorio italiano. Sempre il 19 marzo da Eataly Milano partità il tour delle Pizze del Territorio realizzate in collaborazione con Slow Food: nove pizze (più la Margherita Eataly) da provare eccezionalmente riunite per un’unica sera e presentate da Francesco Pompilio

A guidare la definizione della ricetta della Pizza Eataly è stato Francesco Pompilio, pizzaiolo Corporate di Eataly, in azienda da quasi dieci anni. Pompilio- spiega una nota  si è dedicato allo studio dell’impasto e delle guarnizioni con il supporto dell’executive chef Enrico Panero, del produttore delle farine Fulvio Marino e dell'esperto pizza di Slow Food Italia Antonio Puzzi.

“Lo stretto rapporto che abbiamo creato con i produttori è un fattore cruciale per assicurare una qualità senza compromessi”, afferma Francesco Pompilio. “Da oltre 12 anni Eataly si confronta con clienti in tutta Italia, affrontando i temi dell'alimentazione di qualità con uno slancio sempre rivolto al miglioramento. Per questo, oggi ci sentiamo maturi per poter promuovere la nostra specifica idea sulla pizza, frutto di esperienze maturate nel corso degli anni e conferma della filiera di ingredienti di prima qualità utilizzati dall'inizio del nostro percorso”.

L'obiettivo- spiegano da Eataly- è garantire ai clienti delle dieci pizzerie italiane di Eataly (Torino, Pinerolo, Milano, Genova, Trieste, Firenze, Piacenza, Forlì, Roma e Bari) riconoscibilità, costanza qualitativa e forte identità.

in data:13/03/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Per gli 80 anni di Batman il dolce lungo un metro e mezzo del maître chocolatier Davide Comaschi