Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » E' tempo di insalate. Ecco quelle più gustose

Food Mania

E' tempo di insalate. Ecco quelle più gustose

Deliveroo ha messo in evidenza quelle più particolari presenti in Italia e nel mondo

Roma- Cresce con la primavera la voglia di avere tavole e piatti più colorati, con un’attenzione maggiore verso piatti leggeri ideali per affrontare le giornate che si allungano e più adatti a un clima mite. Tra i tanti del periodo si pensa a quelli ricchi di verdure verdi a foglie: Deliveroo, il servizio di food delivery che consente di gustare a domicilio i piatti dei migliori ristoranti della città presente in 12 Paesi e oltre 200 città, ha indagato sulle insalate, mettendone in evidenze alcune tra le più particolari in Italia e nel mondo, realizzate con abbinamenti ed accostamenti unici, insoliti e gustosissimi. Si parte da Brisbane in Australia dove molto in voga è l’insalata che unisce carne, verdura e frutta esotica, come quella di Villa Bowls che oltre al petto di pollo al latte di cocco, associa straccetti di cavolo, patate dolci arrostite, ananas arrosto, broccoli sbollentati conditi con una salsa a base di soia al peperoncino rosso e citronella.

A Bruxelles in Belgio, potrebbe conquistare le vostre papille gustative un’insalata adatta in modo particolare a chi ama la cucina veg con influenze orientali come quella di EXKI che propone  un mix di tofu bio, riso in versione sushi e tartarre di alghe.In Spagna a Valencia ci si può imbattere invece nella  Insalata BeNormanda di BeGreen realizzata con  lattuga, pera conferencia al forno, funghi portobello, blu cheese, semi di girasole, salsa di senape e miele. Se invece vi trovate a Madrid potreste non resistere al fascino antico e al contempo moderno dell’insalata ancestrale di Bump Green con fusilli di grano saraceno, salsa umeboshi, avocado e salmone. Per chi invece ama le ultime tendenze a Berlino in Germania potrebbe sperimentare i sapori di Good Bank e dalla sua insalata di funghi al tartufo vegan che ai funghi scottati abbina burro di produzione propria associa riso biologico, tofu bio arrosto, cavolfiore, semi di girasole, mirtilli, chips di cavolo nero e condimento veg al tartufo. Da Jour a Parigi in Francia invece potreste assaporare l’asian crunch a base di gamberi arrostiti, carote, cetriolo, germogli di soia, arachidi schiacciate, coriandolo, salsa thai. Per chi alla leggerezza ama associare i sapori di mare in salsa orientale.

Venendo all’Italia, anche nelle nostre città si possono assaporare insalate dagli abbinamenti decisamente particolari e sfiziosi, molti dei quali sempre più veg, dove è spesso la frutta ad essere l’elemento aggiunto a rendere ancora più fresca e invitante l’insalata. A Milano, dove l’insalata è un vero must durante la pausa pranzo, da Mantra Raw Vegan si può gustare l’Insy Must, che come dice il nome è davvero imperdibile: spinacio novello, pomodori pachino affumicati a freddo, pera, avocado hass e finocchio marinato alle erbe, condita con un'emulsione di semi di senape e spuma al limone. Continuando il viaggio  verso sud, in Emilia Romagna, a Modena - città di recente raggiunta da Deliveroo - da Julienne è possibile gustare un insalata decisamente gustosa a base di Insalata alle erbette invernali con agrumi di Sicilia, mela Pink Lady microgreens, semi di zucca, granella di nocciole e salsa di avocado. Nella vicina  Bologna invece i bolognesi e i tanti visitatori della città, possono provare la Budda Bowl di Papparè: una ciotola vegan con soia, edamame, hummus di carote arrostite, farro, ceci saltati, purea di zucca e patate, crema di avocado, semi di girasole e germogli. A Roma da L’insalata ricca si può sperimentare un mix insolito di sapori tipici locali e gusti mediterranei come la Cacio e Pere, realizzata con insalate miste, olive, rughetta, pecorino, pere e condita con una salsa a base di aceto, sale, cipolla, acciughe, sale, aglio e miele. Se siete a Verona invece da Saos potrete assaporare un insolito ma delicato abbinamento pesce/formaggio provando l’insalata Deep Sea con carpaccio di polpo, misticanza, mais, edamame, spinaci, ricotta, cicoria, sesamo, limone.

in data:05/04/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo