Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Fase 2: chef Cannavacciuolo, riapriamo grazie a tecnologia

Agronews

Fase 2: chef Cannavacciuolo, riapriamo grazie a tecnologia

Si punta sull'innovazione per garantire il massimo di sicurezza e il rispetto delle normative

Roma- "La sanificazione? Abbiamo adottato una tecnologia creata dalla Nasa". Dopo un primo riavvio con il "take away" nei bistrot di Torino e Novara, anche gli altri locali del gruppo Cannavacciuolo (il Relais Villa Crespi al Lago d'Orta con il Ristorante Antonino Cannavacciuolo e Laqua Charme & Boutique a Meta di Sorrento oltre al Banco di Cannavacciuolo all'outlet di Vicolungo, sempre nel novarese) si preparano a riaprire, puntando sull'innovazione per garantire il massimo di sicurezza e il rispetto delle normative. 

"Al Relais Villa Crespi e a Laqua Charme & Boutique, le due dimore del Gruppo - spiega lo chef di Vico Equense -utilizziamo prodotti e sistemi di ultimissima generazione, la purificazione attraverso una tecnologia sviluppata dalla Nasa, sistemi Bio Allergy Free ed a ozono-riconversione. Serviamo la prima colazione in camera e l'utilizzo delle due aree benessere e' in esclusiva. Entrambe le realta' sono "case" che oggi ospitano i nostri clienti;
luoghi intimi e raccolti che possono anche essere prenotati in esclusiva". "La cucina del Relais Villa Crespi e' il mio cuore pulsante - continua Antonino Cannavacciuolo - qui, con la moderna tecnologia, decontaminiamo tutta l'aria e le superfici. Rispettiamo le distanze, organizziamo come indicato i tavoli del Ristorante, ma i sapori quelli no, quelli sono ancora i nostri. I Bistrot di Novara e Torino sono pronti ad aprire al pubblico, anzi saranno i primi a farlo il 23 maggio e in queste settimane manterranno il servizio delivery e take away".

"Con Cinzia (la moglie - manager dello chef) e tutto il team - conclude Cannavacciuolo - abbiamo studiato e predisposto ogni dettaglio, ma vogliamo come prima cosa ricordarci che la ristorazione e l'ospitalita' hanno un fattore imprescindibile, quello umano, quello che, anche con tutte le misure attivate, vogliamo trasmettere. La Ristorazione e' da sempre esperienza gastronomica e condivisione. Siamo pronti a risollevare il morale delle persone attraverso il buon cibo e una vera e sicura accoglienza. La nostra missione e' quella d'incantare gli ospiti attraverso il nostro mondo-ospitalita', con attenzioni ed emozioni autenticamente italiane, dando ancora piu' valore al tempo che viviamo".

in data:20/05/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion