Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Dal Fonio alla moringa, arrivano i superfood dell'Africa

Agronews

Dal Fonio alla moringa, arrivano i superfood dell'Africa

A individuarli è Ecovia Intelligence, società specializzata in ricerca, consulenza e formazione nel settore dei prodotti etici globali

Roma- L’Africa sta diventando una fonte di superfood grazie alla sua ricca storia e cultura culinaria. A sostenerlo è Ecovia Intelligence, società specializzata in ricerca, consulenza e formazione nel settore dei prodotti etici globali che propone, anche in vista del  Sustainable Foods Summit di San Francisco (22-23 gennaio), un’analisi dei superfood che arrivano dal continente africano. Nella selezione propone il fonio e la Moringa.

Il fonio è “antico super grano, cresciuto nell’Africa occidentale per 5.000 anni – spiega – Il grano senza glutine fa parte della famiglia del miglio; è ricco di ferro e aminoacidi e una fonte di zinco, vitamina B1 e B3 e fosforo. Per la sua versatilità e alta qualità nutrizionale, il fonio è stato soprannominato la nuova quinoa. Solo di recente è stato registrato come nuovo alimento presso l’Ue”.

La società ricorda che “il fonio fa parte di un numero crescente di superfood africani che si stanno facendo strada nelle diete occidentali. Baobab è un altro ingrediente ricco di nutrienti. Proveniente dall’albero del baobab, la polpa della frutta è ricca di vitamina C, fosforo, calcio, fibre, carboidrati, proteine, potassio e lipidi. E’ usato in snack, yogurt, bevande e nutraceutici”. La Moringa è un altro superfood. “La polvere di Moringa – si legge nell’analisi della società – ha un alto contenuto proteico ed è ricca di ferro, vitamine K ed E e antiossidanti. E’ utilizzata in una vasta gamma di prodotti alimentari, come tè, bevande e snack”. E ancora: “Ibisco, amaranto e tamarindo sono altri ingredienti africani con un alto profilo nutrizionale che si stanno diffondendo in Nord America ed Europa”.

in data:08/01/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion