Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Food: ecco i prodotti più googlati al mondo. La cucina italiana si conferma prima in classifica

Food Mania

Food: ecco i prodotti più googlati al mondo. La cucina italiana si conferma prima in classifica

Lo studio è stato presentato da Fabio Galetto, direttore business automotive e travel di Google al Castello di Grinzane Cavour (Cuneo) in occasione del Food&Wine Tourism Forum

Roma- Il tartufo si conferma primo in classifica a livello mondiale nelle ricerche on line nel periodo natalizio, seguito da caviale, foie gras e spugnole. In generale, il formaggio italiano più googlato è il Gorgonzola, che viene però superato dal Camambert su Google Shopping. Il Prosecco è invece il vino italiano più cercato nel mondo, con una rilevanza maggiore a livello stagionale in estate, seguito da Barolo, Barbaresco e Dolcetto. La nazione che cerca di più il Prosecco è il Regno Unito, mentre il Barolo è più googlato in Danimarca, il Barbaresco in Norvegia e il Dolcetto in Bosnia Erzegovina.

Il trend del turismo enogastronomico e  i prodotti enogastronomici più googlati al mondo sono stati raccontati da Fabio Galetto, Direttore Business Automotive e Travel di Google, al Castello di Grinzane Cavour (Cuneo) in occasione del Food&Wine Tourism Forum.

 La cucina italiana si conferma prima in classifica seguiti da quelli messicani, thai, giapponesi e francesi. Africa, Asia e una parte di Sud America sono i continenti in cui il cibo italiano viene googlato maggiormente. Tutte le chiavi di ricerca collegate al cibo italiano si riferiscono ad attività e ristoranti, confermando un interesse omogeneo tra contenuti generali ed esperienze

 

in data:21/06/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion