Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Franco Pepe, non servono pizze gourmet ma cura impasto

Food Mania

Franco Pepe, non servono pizze gourmet ma cura impasto

Il pluripremiato patron e cavaliere del lavoro della pizzeria Pepe in Grani, con sede in un palazzo '700esco a Caiazzo, nel Casertano, non ama affiancare al nome 'pizza' l'aggettivo 'gourmet'

Roma- Il cuore del problema e' l'impasto. Perche' "noi siamo panificatori, dobbiamo aver cura dell'impasto". Franco Pepe, cavaliere del lavoro, pluripremiato in Italia e all'estero (ultimo riconoscimento in ordine di tempo i 6 spicchi del Gambero rosso per le sue due 'creature), patron della pizzeria Pepe in Grani, con sede in un palazzo '700esco a Caiazzo, nel Casertano, non ama affiancare al nome 'pizza' l'aggettivo 'gourmet'. "Non si addice a questo cibo della tradizione ma fortemente moderno - sottolinea - del quale troppo spesso e' trascurata la confezione del disco di pasta con l'escamotage di lavorare sul topping, magari creando una accozzaglia di materie prime per imbambolare il cliente. Invece l'impasto e' tutto nella pizza".

La lenta affermazione del cibo di strada piu' conosciuto e imitato al mondo fino alla creazione di un disciplinare e al riconoscimento ell'arte del pizzaiolo come patrimonio immateriale Unesco, osserva, non ha ancora portato a un ripensamento e una "istituzionalizzazione" della formazione del professionista pizzaiolo. "Oggi la materia prima rispetto anche solo a 20 anni fa e' profondamente cambiata - spiega Pepe - soprattutto le farine hanno forza e qualita' proteiche diverse dal passato e molteplici. Percio' dobbiamo distribuire il lievito in modo diverso per ottenere un impasto che sia all'altezza di un buon prodotto. Noi siamo panificatori anzitutto. Da me l'impasto si fa ancora a forza di mani e braccia, e poi lievita naturalmente. Dobbiamo essere lontani dall'idea che in 20 giorni si diventa pizzaioli". Cosi', se lui rappresenta la terza generazione di una impresa familiare e sta formando la quarta avendo con se' il figlio, "prendo con me ragazzi che siano motivati e abbiano voglia di imparare lentamente, assimilando ogni giorno, a mie spese perche' non ci sono scuole 'istituzionali', ma solo associazioni che offrono formazione ma dipendono da sponsor che magari impongono farine...insomma, dai corsi per pizzaioli non e' facile uscire pizzaioli".
La sua ricetta? "Corsi specifici con esperti di settore negli istituti alberghieri - esplicita - un riconoscimento ufficiale di una professione, cosi' come si e' fatto per chef, componenti della brigata di cucina, sommelier, addetti al ricevimento". 

in data:26/09/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion