Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Gambero Rosso: il numero uno è Niko Romito

Food Mania

Gambero Rosso: il numero uno è Niko Romito

Assegnate dalla guida "Ristoranti d'Italia 35 Tre Forchette. Ciccio Sultano del Duomo a Ragusa è il "Ristoratore dell'anno''. Impronta a Bassano del Grappa (Vicenza) è la "Novità dell'Anno"

Roma- Sono in totale 35 le Tre Forchette di Ristoranti d’Italia, guida del Gambero Rosso che compie 30 di vita. Numero uno dell’edizione 2020 è Niko Romito con 96 punti del ristorante Reale a Castel di Sangro (Aquila), che condivide il podio con Massimo Bottura con Osteria Francescana a Modena e Heinz Beck della Pergola a Roma, entrambi a 95 punti  

Il massimo riconoscimento attribuito dalla pubblicazione enogastronomica è assegnato anche a Le Calandre a Rubano (Padova), Piazza Duomo ad Alba (Cuneo), Uliassi a Senigallia (Ancona), Don Alfonso 1890 a Massa Lubrense (Napoli), Enoteca Pinchiorri a Firenze, Antonino Cannavacciuolo con Villa Crespi di Orta San Giulio a Novara, Cracco a Milano, Duomo a Ragusa, Madonnina del Pescatore a Senigallia (Ancona), Il Pagliaccio a Roma, Quattro Passi a Massa Lubrense (Napoli), Seta del Mandarin Oriental Milano, St. Hubertus dell'hotel Rosa Alpina a San Cassiano (Bolzano), Torre del Saracino a Vico Equense (Napoli), La Trota a Rivodutri (Rieti), Da Vittorio a Brusaporto (Bergamo), Enrico Bartolini Mudec Restaurant a Milano, Berton a Milano, D'O a Cornaredo (Milano), Pascucci al Porticciolo a Fiumicino (Roma), Dal Pescatore a Canneto sull'Oglio a Mantova, Casa Vissani a Baschi (Terni), Agli Amici dal 1887 a Udine, Da Caino a Montemerano (Grosseto), Taverna Estia a Brusciano (Napoli), Idylio by Apreda del The Pantheon Iconic Rome Hotel a Roma, Laite a Sappada (Udine), Lido 84 a Gardone Riviera (Brescia), Lorenzo Forte dei Marmi (Lucca), La Madia a Licata (Agrigento), Miramonti l'Altro a Concesio (Brescia) e La Peca a Lonigo (Vicenza).

Il volume assegna inoltre 30 Tre Gamberi (osterie, bistrot), 10 Tre Bottiglie (locali ''enoappassionati''), 4 Tre Mappamondi (cucina straniera e etnica), Tre Boccali (i templi della birra), Tre Cocotte, 18 Premi Speciali. La novità sono le delle Due Forchette Rosse: Sette locali in pole position che possono raggiungere il traguardo delle Tre Forchette : Arnolfo a Colle di Val d'Elsa (Siena), Dani Mason a Ischia (Napoli), Lume a Milano, Il Piccolo Principe del Grand Hotel Principe di Piemonte a Viareggio (Lucca), Signum a Salina (Messina), Vun Andrea Aprea dell'Hotel Park Hyatt Milan a Milano, Andreina a Loreto (Ancona).

Ciccio Sultano del Duomo a Ragusa è il "Ristoratore dell'anno'' . Impronta a Bassano del Grappa (Vicenza) è la "Novità dell'Anno"

in data:28/10/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion