Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Genghini, l'alleato numero 1 per aprire un pastificio

Agronews

Genghini, l'alleato numero 1 per aprire un pastificio

Roma- Vuoi lanciarti nel campo del business e stai vagliando diversi settori? Punta tutto sulla pasta fresca: ecco perché!  L’Italia è il Paese per antonomasia, dove si mangia bene. Non è un caso se il settore food è uno di quelli che non ha mai risentito della crisi economica. Per questo motivo, per chi ci sa fare, aprire un pastificio può rivelarsi un’opportunità particolarmente redditizia.

La pasta fresca è nell’immaginario collettivo un alimento che comunica bontà nei sapori, genuinità e produzione fatta in casa. Valori in cui una quota di mercato sempre più crescente, in Italia così come all’estero, crede ciecamente. Molto di più rispetto alla produzione industriale. Nonostante la crisi economica, agli italiani tutto si può togliere tranne un gustoso piatto di pasta fresca, dai sapori casalinghi. Gli gnocchi della nonna, d’altronde, sono o no un classico del pranzo domenicale?

Desideri aprire un pastificio? Genghini, con il suo know-how, è il tuo alleato numero 1!

Genghini ricopre una posizione di leadership all’interno del mercato delle macchine per la pasta fresca: dal 1947 sino ad oggi, quest’azienda romana ha saputo costruirsi un ruolo di protagonista in materia di progettazione, costruzione e vendita di raviolatrici professionali, trafile per pasta fresca e altri macchinari specializzati per fare gli gnocchi, i cappelletti, i ravioli, oltre ad ogni tipo di pasta all’uovo, senza glutine, nei formati corti e lunghi. Senza tralasciare la pasta secca. Ovvio.

Insomma, se intendi aprire un pastificio o un ristorante, una mensa, dove la pasta fresca giochi un ruolo di primaria importanza, Genghini, con tutto il suo know how accumulato in oltre 70 anni di esperienza, è per te l’alleato numero 1. Lo stesso dicasi per gli hotel che vogliono migliorare l’offerta, puntando fortemente sul ristorante. I turisti, spesso, preferiscono pranzare e cenare in albergo. E una cosa è certa: la pasta fresca, se fatta a regola d’arte contribuirà a rendere i loro viaggi e le loro vacanze semplicemente indimenticabili.

Vuoi aprire un negozio di pasta fresca e non sai come fare? Scopri come ti aiuta Genghini!

Per aprire un negozio di pasta fresca, occorre esperienza nel campo. Impossibile tuffarsi in questo business senza avere la giusta preparazione su un argomento quale la pasta fresca. Oggigiorno, i consumatori, specie in materia di cibo, sono sempre più informati. Vogliono sapere cosa mettono a tavola. Ergo, chi produce e vende pasta fresca deve avere una preparazione a 360 gradi sulla materia. Anche i novizi in questo settore, possono farsela. Se rientri in questa categoria e non sai cosa sia una raviolatrice professionale o cosa fanno le trafile per pasta fresca, non c’è problema. Il tempo per imparare c’è sempre. A darti tutto il supporto necessario per vincere questa sfida avvincente, ci pensa Genghini.

Come? Il tuo sogno consiste nell’aprire un pastificio? Genghini ti dà una mano a fare dello spazio di cui disponi il tuo nuovo laboratorio per la pasta fresca. Anche a fronte di spazi disponibili da ristrutturare, l’azienda romana ti darà tutte le dritte necessarie, inviando in loco un tecnico specializzato.

Ci pensiamo noi a suggerirti sul da farsi, sia in fase di re-vendita che di post-vendita. Anche attraverso i nostri corsi di formazioni sul comparto pasta. Di tipi di pasta ce ne sono a iosa e di preparazioni ancora di più. Con noi potrai dare libero sfogo a tutto il tuo talento creativo. Ti aiuteremo noi a sostenere la tua vena artistica.

Cosa occorre per un laboratorio di pasta fresca?

Una macchina per pasta fresca, come ad esempio un’impastatrice professionale, è essenziale se decidi di puntare fortemente su questo business che richiede un investimento iniziale non indifferente. Ma nulla da temere. Chi è bravo, viene fuori. I costi della spesa iniziale verranno ammortizzati attraverso svariati aspetti:

  • drastica riduzione delle tempistiche lavorative;
  • necessità di una minore manodopera;
  • ottimizzazione delle materie prime per la realizzazione del prodotto finito;
  • notevole risparmio sui vari accessori da cucina per preparare la pasta fresca fatta a mano. Il motivo? Ad ultimare tutti i compiti, ci penserà la macchina impastatrice.

Come orientarsi nella scelta di una macchina impastatrice?

Scegliere una macchina per fare la pasta fresca è qualcosa di strettamente soggettivo ed inevitabilmente connesso alla tipologia di core business della tua attività. La raviolatrice professionale si dimostra la soluzione più gettonata per produrre ravioli di alta qualità. Con appositi stampi, è possibile dar luogo ad un prodotto finale unico e diverso dalla concorrenza, nonché anni luce distante dalla produzione industriale. I clienti, soprattutto “le buone forchette” apprezzeranno, ringrazieranno e torneranno nuovamente presso la vostra attività per acquistare ravioli freschi. Non solo nelle grandi occasioni!

Anche la gnoccolatrice rientra tra i macchinari che più vanno per la maggiore. Gli gnocchi così come le fettuccine e le tagliatelle, formati di pasta lunga all’uovo, sono varianti molto apprezzate sia per il pranzo domenicale che nei ristoranti e nelle trattorie.

Come funzionano le macchine impastatrici Genghini?

Le macchine impastatrici Genghini sono di quanto meglio ci sia nel mercato della pasta fresca. Semplicissime da utilizzare, velocissime da pulire, le raviolatrici, le gnoccolatrici, le trafile per pasta fresca non prevendono spese di manutenzione. Il motivo? Potrai sempre avvalerti del supporto di Genghini a fronte di eventuali consigli per portare a termine un prodotto finito artigianale, di pregevole fattura, bello a vedersi e genuino nei sapori.

Tieni conto che affinché la macchina per pasta fresca faccia bene il suo lavoro, è scelta saggia dapprima inserire le materie prime e solo in seguito procedere al loro azionamento. Di costi di manutenzione non c’è la benché minima traccia, in quanto i macchinari Genghini hanno nella tecnologia auto lubrificante il loro fiore all’occhiello. Inoltre, in termini di fattura dei materiali, si fa esplicito riferimento ad attrezzi di caratura superiore. Si pensi ad esempio alle teglie, realizzate in acciaio inossidabile: trattasi di prodotti di elevato livello qualitativo, realizzati in acciaio inox, semplici da estrarre e facili da pulire e da igienizzare.

Le macchine per pasta fresca targate Genghini si dimostrano una sicurezza, in quanto adatte ad ogni tipologia di impasto. Per i ristoranti alla ricerca di soluzioni professionali, tipicamente appartenenti alla fascia alta, sono necessari tutta una serie di kit, da adattare in relazione agli ingredienti di turno e al risultato finale. Una volta, comunque, aggiunti acqua e sfarinato secondo la composizione e lo spessore indicati nel manuale d’istruzioni, il grosso è fatto. Chiaramente, devi considerare che per determinati tipi di pasta, fra cui i laminati, contraddistinti da una certa ruvidezza al tatto, l’installazione di trafile per pasta fresca è una conditio sine qua non, per ottenere un risultato unico nei gusti. Per ottenere una pasta perfetta, a prescindere dal tipo di ricetta, Genghini ha optato per la scelta del bronzo come materiale costruttivo per le sue trafile. Non si tratta solamente di un fascino ancestrale imperituro, ma di una scelta volta ad esaltare i sapori delle pietanze in ogni singola forchettata. Per ciò che concerne la pasta sfoglia o per altri formati standard di pasta, è opportuno procedere alla regolazione dello spessore della pressa ed il gioco è fatto. Nulla di più, nulla di meno!

Quale la macchina di punta targata Genghini?

Ogni azienda specializzata nella produzione di pasta fresca ha una macchina di punta. Quella di Genghini è IP20. Di cosa si tratta? Di una pressa o più precisamente di una macchina per fare la pasta fresca, in grado di produrre 20 kg all’ora. Piccoli volumi particolarmente adatti a ristoranti, trattorie, laboratori di pasta fresca e hotel. Gli chef apprezzano questo “gioiellino”, in quanto hanno la possibilità di produrre pasta fresca nella più totale autonomia, controllandone gli ingredienti alla perfezione.

La personalizzazione è il punto di forza di questo macchinario: la produzione, infatti, può essere aumentata con una o due vasche. A dir poco eccellente è l’opportunità di procedere all’installazione del raffreddamento dell’estrusore, realizzato in bronzo. Le pale, inoltre, permettono la lavorazione di ogni tipologia di semola, grano tenero, grano saraceno, grano duro e farro. L’apposita taglierina, contraddistinta da ruvidi rulli, assicura la produzione di fettuccine e di ogni sorta di pasta lunga all’uovo, realizzate proprio come una volta, secondo i classici dettami della cucina italiana. La taglierina in oggetto è inoltre in grado di regolare la velocità per produrre pasta corta.

Non solo macchine nuove per fare la pasta fresca. Con Genghini anche macchine usate e disponibili a noleggio

Consci del fatto che i macchinari nuovi per fare la pasta fresca possono rappresentare uno scoglio ostico da superare in fase iniziale, Genghini propone ai suoi clienti la possibilità di noleggiare un’impastatrice professionale e tutta una serie di accessori, come gli stampi per i ravioli e le trafile per la pasta. In questo caso, basterà che tu ti metta in contatto con l’azienda e che chieda ulteriori informazioni, in riferimento alla possibilità di provarle in prima persona. Noleggiare un’impastatrice con Genghini è assai vantaggioso, dato che basterà pagare un importo mensile fisso più un piccolo deposito.

Anche in materia di macchinari usati per produrre pasta fresca, Genghini è una sicurezza. Dopo aver recuperato quelli usati, vengono effettuati controlli certosini, revisioni accurate e numerosi test per controllare la qualità del prodotto servito a tavola. Solo se il risultato soddisferà i palati più selettivi, il macchinario verrà messo in commercio. Naturalmente ad un costo decisamente più basso e con un anno di garanzia.

Cosa occorre ancora per aprire un pastificio

Ok, i macchinari per fare la pasta fresca in un pastificio artigianale sono fondamentali. Questo è indubbio. Tuttavia, da soli non bastano. Per una completa attrezzatura da cucina, ci vogliono anche un forno, un frigorifero con capacità di almeno 1.400 litri, un tritacarne, essenziale procedere alla realizzazione del ripieno nella pasta imbottita (ravioli, tortellini, agnolotti, cappelletti), una cappa che aspiri i fumi, un abbattitore che conservi al meglio i preparati e vari lavelli per pulire a fondo gli utensili da cucina.

Naturalmente, a darti le dritte in materia, ci penserà Genghini, azienda specializzata da oltre 70 anni in materia di macchine per fare la pasta fresca e in attrezzature necessarie per l’apertura di laboratori a carattere artigianale.

Contatti

Azienda: Genghini

Indirizzo: Via Massafra 55, Roma, (00132)

Tel. 06.22445269 o +39 338.1323433 (chiedere di Valerio)

Indirizzo e-mail: igpasta@icloud.com sito web: https://www.genghini.net

Redazionale

in data:01/10/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion