Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » Gli italiani tornano a credere nel vino e negli spumanti. Acquisti in crescita tra le mura domestiche

Filiera Corta

Gli italiani tornano a credere nel vino e negli spumanti. Acquisti in crescita tra le mura domestiche

Secondo un'analisi Coldiretti su dati Ismea a trainare le vendire sarebbero le Doc (+5%), le Igt (+4%) e le bollicine (+6%)

Roma- Il vino rientra nelle case degli italiani. Secondo un’analisi Coldiretti sulla base di dati Ismea nel 2017 ci sarebbe un aumento delle vendite trainate dai vini Doc (+5%), dalle Igt (+4%) e degli spumanti (+6%). Il dato, sicuramente positivo- si spiega in una nota-  arriva, dopo l’incremento nei bar e ristoranti del 3%, anche nelle mura domestiche con una profonda svolta verso la qualita' come dimostra il fatto che a calare sono solo gli acquisti di vini comuni (-4%).

Secondo elaborazioni Coldiretti su dati Oiv, l'Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino "Oltre che sulle tavole tricolori, il vino italiano trionferebbe anche all'estero dove ha messo a segno un nuovo record storico delle esportazioni, con un aumento dell'8% rispetto allo scorso anno quando avevano raggiunto su base annuale i 5,6 miliardi di euro, la prima voce dell'export agroalimentare nazionale, secondo l'analisi della Coldiretti su dati Istat relativi al primo semestre. A spingere la domanda oltre confine sono le vendite di spumante che, con un balzo del 14%, in molti casi sfidano ormai alla pari lo champagne". Per Coldiretti "Si tratta di una ottima notizia in un anno difficile per la vendemmia che nel 2017 sara' tra le piu' scarse dal dopoguerra a causa del maltempo e siccita'. Le previsioni danno un calo dei raccolti record del 25% per una produzione che oscilla tra i 40 ed i 42 milioni di ettolitri. Se non ci saranno sconvolgimenti si prevede comunque che le uve Made in Italy saranno destinate per oltre il 40 per cento ai 332 vini a denominazione di origine controllata (Doc) e ai 73 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), il 30 per cento ai 118 vini a indicazione geografica tipica (Igt) riconosciuti in Italia e il restante 30 per cento a vini da tavola".

in data:23/09/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno