Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Gli imprenditori del Gusto » Gunther Rohregger, gelato da brivido enogastronomico

Gli imprenditori del Gusto

Gunther Rohregger, gelato da brivido enogastronomico

Nella Capitale un ex maestro di sci dell'Alto Adige incanta i romani con le sue delizie gourmet. Nel suo inventario circa 400 gusti tutti preparati con ingredienti e materia prima che ricordano il territorio di origine

Roma- Mangiare il suo gelato significa superare le stagioni. Una volta degustato il caldo o il freddo della temperatura esterna passa in secondo piano a fronte di una materia prima utilizzata e una qualità finale da brivido enogastronomico. Insomma, almeno a Roma, non si può parlare di gelato con la G maiuscola  se non si parla di Gunther Rohregger, maestro gelataio con un passato da falegname e istruttore di sci in Alto Adige trasferito nella Capitale per amore  di Iris conosciuta tra uno slalom e un altro. Oggi la sua vita è  dunque cambiata radicalmente passando dalle bianche discese invernali ad alta quota ai laboratori gourmet di gelati aperti tra il 2012 e il 2015 con la sua compagna nel centro della città e con un proposta che supera circa i 400 gusti, molti dei quali trovabili e degustabili nelle sue tre gelaterie : “Punto Gelato”  di Via dei Pettinari 43, “Punto Gelato” di piazza sant’Eustachio e The Taste Gelato  in via dei Due Macelli.

Il resto invece è già storia di questi ultimi tempi perché la ricerca di questo ex maestro sci di Bolzano non ha limiti: per Natale ha infatti creato gusti al sapore del panettone e in occasione di eventi come Taste Roma una personalissima carta dei gelati preparati con alcune produzioni enologiche del Lazio e un prodotto al sapore del sigaro toscano, prelibatezza indiscussa per tutti gli amatori del genere mantenendo sempre al centro del suo lavoro l’importanza della materia prima e il rispetto della stagionalità. Gli ingredienti utilizzati da Gunther sono infatti tutti pregiati e naturali che raccontano il territorio di origine: si va dall’Acqua Plose, alla frutta di stagione per arrivare al cioccolato Domori e alle spezie più rinomate, tanto per fare qualche esempio.   Chiedersi dunque quale gelato scegliere entrando nei locali di Gunther è sempre difficile, sicuramente tra i consigliati e gli imperdibili c’è quello allo gianduiotto realizzato con le nocciole tonde delle langhe e cacao Domori, oppure il Fondente Madagascar, preparato con  Cioccolato Gran Cru Sambirano del Madagascar, in cui convivono in perfetto equilibrio un tocco di acidità ed un intenso e profumato aroma di frutti rossi

Ma l’imbarazzo della scelta potrebbe continuare all’infinito visto che sono utilizzate più di sette tipologie di cioccolata che variano in base alla materia prima utilizzata accompagnata alle classiche creme e frutta come pistacchio, caffè, banana, fragola e limone di Sorrento. Non mancano poi proposte divertenti e originali come il Pino Mugo o il Pinzimonio che esalta la freschezza delle verdure come carota, finocchio, ravanelli e sedano, tutte valorizzate da olio Evo, pepe selvatico del Madagascar, olive candite e pane croccante.

Gianluca Pacella

in data:04/01/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo