Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » I nuovi trend enogastronomici partono dal Dubai Food Festival

Agronews

I nuovi trend enogastronomici partono dal Dubai Food Festival

In programma fino al prossimo 11 marzo un ricchissimo programma di incontri con alcuni grandi autori della cucina internazionale

Dubai- (Dalla nostra inviata) Dal 23 febbraio all’11 marzo il Dubai Food Festival è tra gli eventi più importanti del settore enogastronomico a Dubai, un ricchissimo programma che per 17 giorni in riva al mare, all’Etisalat Beach Canteen a Sunset Beach a ingresso gratuito: un modo per coinvolgere gli abitanti di Dubai e attirare turisti dall'estero, un'occasione per esplicitare i nuovi trend internazionali di cucina.

Si tratta della terza edizione, ma negli Emirati si fa tutto in grande: quattro volte più grande dell’anno scorso, si scoprono le cucine dei ristoranti più rinomati, piatti take-away, corsi di cucina con chef locali, sport sulla spiaggia e attività per i bambini, classi di yoga ed esperienze gourmand. Evento nell'evento, la Miele Dubai Restaurant Week ospiterà 15 esclusivi ristoranti di Dubai, tra cui il notissimo Gordon Ramsay’s Bread Street Kitchen dell’Atlantis, The Palm, il Pier Chic e lo Scape Restaurant & Bar del Burj Al Arab, che proporranno un menu di tre portate in limited edition a una cinquantina di euro a persona (o 99 AED in moneta locale).

Ci sarà da fare il punto della situazione sulla cucina del “middle east” come amano definirla, con tante masterclasses capitanate da chef e artigiani locali: abbiamo visto in cattedra Chef Woodz che ci ha insegnato a cucinare in modo bilanciato e leggero, abbiamo parlato con Andreas Borgmann, fondatore di Kcal, abbiamo ripreso Kirti Bhoutika  e Geoffrey Zakarian , chef star degli Emirati, abbiamo imparato cosa significa il vero “food safety”, la sicurezza alimentare, con i rappresentanti della città di Dubai, abbiamo creato un vero e proprio Bento Box con tutto il cibo islamico per eccellenza, abbiamo discusso dei trend e degli skills per destreggiarsi nella cucina islamica moderna, ci siamo affidati ai consigli di diversi nutrizionisti e abbiamo fatto diverso sport. Il trend è certamente quello di una cucina più attenta all'almentazione e al benessere, ecco che compaiono sulle nostre tavole i super food.

Tra gli ospiti chef di livello internazionale come Jason Atherton e Gary Rhodes per la Gran Bretagna, Heinz Beck per l'Italia. In contemporanea vengono proposti al pubblico una decina tra i ristoranti meno noti e meritevoli di Dubai: appunto le gemme, ovvero il  Dubai Hidden Gems, valutati dal pubblico e in palio un soggiorno di 3 notti presso un boutique hotel di lusso sito nel cuore della Dubai vecchia per i partecipanti. La redazione tifa per Açai Spot, un piccolo ristorante che serve tutti piatti salutari a base del frutto della palma di açai, albero nativo della foresta amazzonica e  che dona importanti benefici: antiossidante, preserva dalle malattie rinforzando il sistema immunitario, ricco di ferro  e calcio, contiene vitamine  A,B1,B2,B3,C,E,K e assomiglia molto come gusto a quello di una mora matura: un super food che sbarcherà presto in Italia. Ottimo sia come bevanda fredda, che in bowl con yougurt e granola o in combinazione con altra frutta.

 

Camilla Rocca

in data:02/03/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”