Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Il Cibo oltre l'Italia|Dalla quinoa al cacao, il Perù è terra dei superfoods

Food Mania

Il Cibo oltre l'Italia|Dalla quinoa al cacao, il Perù è terra dei superfoods

Mecca dei rinomati alimenti, è la patria di una lunga lista di prodotti agricoli benefici per la salute, anche grazie ai diversi microclimi e paesaggi che caratterizzano il Paese

Roma-  I superfoods sono speciali grazie alle loro caratteristiche intrinseche e per i benefici che apportano al nostro organismo, grazie all’ elevato contenuto di nutrienti, antiossidanti e fibre. Tra le ragioni che rendono il Perù il territorio ideale per la coltura di questi preziosi alimenti, vi è sicuramente la ricca biodiversità del territorio. Il Perù è, infatti, uno dei Paesi megadiversi del mondo, la sua varietà a livello geografico e microclimatico favoriscono l’abbondante crescita naturale di un’ampia varietà di Superfoods. La coltivazione di questi alimenti, inoltre, è un patrimonio che affonda le proprie radici migliaia di anni fa e in Perù, Paese all'avanguardia nella tutela delle antiche tradizioni, si trasmettono di generazione in generazione e si traducono in oltre 4500 specie autoctone e in una vasta conoscenza di erbe e piante officinali.

L’avocado, negli ultimi anni, è sempre più anche sulle nostre tavole. Il Perù è il secondo esportatore di questo gustoso e benefico prodotto e dispone di circa 32.000 ettari di territorio - tra le Regioni settentrionali di Lambayeque, La Libertad, Àncash così come in quelle di Lima, Arequipa e Tacna - adibiti alla coltura di avocado Hass, una varietà tra le più prelibate. Ricca di potassio, fonte di energia, grassi buoni, magnesio e omega 3. Favorisce le funzionalità del sistema nervoso, muscolare e immunitario, regola il livello di glucosio nel sangue e si può preparare in tanti modi. Per portare un po’ di Perù nella propria cucina, si può utilizzare l’avocado nella preparazione di una tradizionale Causa de Cangrejo, insieme a patate, peperoncino, polpa di granchio e altri ingredienti facilmente reperibili.

Largamente apprezzato per il suo aroma dolce e intenso, il mango, in Perù, è coltivato principalmente nella fascia costiera, dall’estremo nord, come nella Regione di Piura, fino al Sud, nella Regione di Ica. Questo frutto tropicale, dalla consistenza morbida e soffice, è delizioso sia da solo sia se utilizzato per realizzare dessert. Inoltre è ricco di vitamine A e C, fibre, antiossidanti, beta carotene e contiene un bassissimo apporto di grassi, una vera panacea per il sistema respiratorio, cardiovascolare o la salute degli occhi e ottimo per migliorare le funzioni digestive.

In Perù ci sono cereali che da secoli fanno parte della tradizione gastronomica e sono rilevanti per i molteplici benefici che offrono all'organismo. Tra questi, grazie alla sua composizione ricca di nutrienti, la quinoa è considerata un vero e proprio cibo completo. Ve ne sono più di 3000 varietà ed è addirittura utilizzata nella dieta degli astronauti della Nasa durante le loro lunghe missioni nello spazio. La quinoa fornisce proteine, acidi grassi non saturi, minerali, vitamine, fosforo e regala una sensazione di sazietà. Cresce rigogliosamente nelle Regioni andine di Junín, Huancavelica, Ayachuco, Apurímac, Cusco, Puno e Arequipa ed è ottima se cucinata come da tradizione, ad esempio in insalata, con miso e peperoncino, un antipasto semplice, gustoso e ideale nelle stagioni più calde.

Il cacao, "cibo degli dei" ricco di resveratrolo e flavonoidi dalle proprietà antiossidanti, ha origine nel bacino amazzonico. L'addomesticamento di questa coltura è iniziato circa 4000 anni fa, distribuendo la specie in tutta l'Amazzonia e il Mesoamerica, lungo la costa del Pacifico. Il Perù, con le sue 16 Regioni produttrici, è classificato come terzo esportatore di cacao in America Latina e ospita sottovarietà native uniche al mondo come il cacao bianco di Piura, il Fortunato di Cajamarca e il Chuncho di Cusco. Il Perù dispone della più alta biodiversità genetica del cacao al mondo e la foresta amazzonica ospita sei delle dieci varietà genetiche di cacao esistenti. É un ingrediente così importante della tradizione peruviana che dal 2012 si celebra, ogni 1 di ottobre, il Giorno del Cacao e del Cioccolato Peruviano, un’occasione unica nel suo genere per degustarlo in tante, golose varianti.

in data:11/05/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion