Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Il Covid fa riscoprire il pane agli italiani

Food Mania

Il Covid fa riscoprire il pane agli italiani

La pandemia da Covid-19 sembra aver ha intaccato le tasche delle famiglie che, per i cenoni delle prossime festività, hanno speso meno del solito accontentandosi di un menu più “povero”

Roma-  La pandemia da Covid-19 sembra aver  intaccato le tasche delle famiglie che, per i cenoni delle prossime festività, hanno speso meno del solito accontentandosi di un menu più “povero”.Per Natale gli italiani riscopriranno infatti il pane, cibo povero per eccellenza in cui però l’Italia eccelle. E, secondo un monitoraggio dell’agenzia di comunicazione Klaus Davi & Co., che in collaborazione con Filippo Gallinella (Presidente della Commissione Agricoltura alla Camera) ha creato il movimento ‘Io sto con il Made in Italy’, grande protagonista sarà il pane e le sue tante varianti regionali. Ma quali sono le tipologie di pane più apprezzate, esclusi i formati più comuni? In base al sondaggio a risposta multipla, realizzato su un campione di 500 persone tra i 18 e i 65 anni, a svettare nelle preferenze sono i Dop e gli Igp. Di seguito la top 10:

  • Pane di Altamura DOP, regione Puglia (92% delle preferenze): conosciuto in tutto il mondo soprattutto per la sua durevolezza grazie alla quale può mantenere le sue proprietà organolettiche anche per 10 giorni;
  • Pane di Matera IGP, regione Basilicata (87%): dalla classica forma a cornetto, la pagnotta racchiude in sé tutte le eccellenze del territorio lucano, con le quali si accompagna a meraviglia;
  • Pane Toscano DOP, regione Toscana (82%: per la sua consistenza e la mollica caratterizzata dall’assenza di sale, è ideale per accompagnare salumi e formaggi saporiti e molto altro;
  • Pane Casereccio di Genzano IGP, regione Lazio (79%): ideale per essere abbrustolito e condito con aglio sfregato, sale e olio d’oliva per la preparazione della classica bruschetta;
  • Coppia Ferrarese IGP, regione Emilia-Romagna (77%): perfetto connubio tra food e design, con un cuore morbido al centro che unisce due pezzi di pasta lavorati a forma di cornetti;
  • Pagnotta del Dittaino DOP, regione Sicilia (75%: riesce a mantenere inalterate le sue caratteristiche sensoriali anche per 5 giorni e, tagliata a fette sottili, va benissimo anche per la prima colazione;
  • Pane di Platì, regione Calabria (72%: prodotto tipico calabrese, è ottimo da gustare caldo, condito con olio, sale e origano, oppure è ideale per bruschette o inzuppato nelle minestre;
  • Pane dei Camaldoli (Pane del Cafone), regione Campania (70%): pane di antichissima tradizione della cultura culinaria partenopea e campana che prende il nome dalla collina situata nella parte nord-ovest di Napoli;
  • Bovolo, regione Veneto (68%): dalla caratteristica forma a chiocciola, con la crosta poco spessa e la mollica morbidissima, è gustosissimo farcito con salsicce, peperoni e primo sale;
  • Biova Piemontese; regione Piemonte (66%): un altro pane ideale da panino per la sua forma panciuta, la crosta sottile e la mollica poco densa; ottimo con peperoni, acciughe e salsa verde.

in data:23/12/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno