Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » Il Prosecco vince il derby delle bollicine

Filiera Corta

Il Prosecco vince il derby delle bollicine

Lo spumante italiano si posiziona al primo posto con il 35% delle bollicine vendute su Tannico.it, seguito dallo Champagne con il 32%, dal Franciacorta con il 24%. L’analisi è stata condotta su oltre 20.000 clienti in tutta Italia per le festività 2015

Roma- Il Prosecco vince il derby del brindisi con lo Champagne per il Natale 2015. Lo spumante italiano si posiziona infatti al primo posto con il 35% delle bollicine vendute su Tannico.it, seguito dallo Champagne con il 32%. Si attesta al terzo posto il Franciacorta con il 24%, seguito dal Trento Doc con il 4,4%. Sono i dati provenienti dall`analisi sui consumi di vino durante le feste natalizie 2015 condotta da Tannico.it sulla base degli acquisti effettuati sul sito dagli oltre 20.000 clienti in tutta Italia tra novembre e dicembre 2015.

Il consumatore di bollicine su Tannico.it ha acquistato in media 5 bottiglie per una spesa di 103 euro. Analizzando invece i consumi nelle città italiane registrati in questi ultimi due mesi, Vicenza risulta essere la città che maggiormente apprezza le bollicine: registra un più 40% dei consumi rispetto alla media; Modena si attesta al secondo posto (+31%) e Lecco al terzo (+27%). Mentre tra le città che ne consumano meno troviamo a sorpresa Trento (meno 60% della media), patria del Ferrari, Brescia (-40%) patria del Franciacorta, e Palermo (-32%) più tradizionalmente legata ai vini fermi. Analizzando la totalità degli acquisti, il vino rosso rimane il protagonista di pranzi e cene nel periodo delle feste, con percentuali pari al 50% delle bottiglie vendute. Le bollicine si attestano al secondo posto con una quota pari al 22% degli acquisti, mentre il vino bianco, tradizionalmente protagonista della cena della Vigilia a base di pesce, conquista il terzo posto con una quota del 20%. I periodi di picco delle vendite delle cosiddette 'bollicine' si verificano durante le principali feste dell`anno come la Pasqua e il Natale. Analizzando invece i consumi annui regione per regione, emerge che la regione del Nord Italia in cui si consumano più bollicine è la Valle D`Aosta (33,70%) seguita da Emilia-Romagna (28,74%) e Veneto (26,27%). Primeggiano nel Centro Italia le Marche con il 30,58%, seguite da Umbria (28,46%) e Abruzzo (25,82%). Mentre nella top 3 delle regioni del Sud Italia che hanno acquistato più bollicine nel 2015 troviamo Basilicata (29,51%) Puglia (24,36%) e Calabria (23,87%).

Ti potrebbe anche interessare

Il prosecco è nel cuore di 40 milioni di italiani

Il brindisi italiano è da record

Stop alle abbuffate. A Natale vince la dieta mediterranea

in data:17/12/2015

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno