Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Il panino non è un più un pasto di serie B. Aperta un'accademia ad hoc per renderlo un’icona del made in Italy

Agronews

Il panino non è un più un pasto di serie B. Aperta un'accademia ad hoc per renderlo un’icona del made in Italy

Organizzati convegni, mostre e progetti che esaltano il prodotto Made in Italy. Tra gli obiettivi dell'iniziativa togliere terreno a a hot dog e hamburger

Milano- La città di Milano si arricchisce di un museo, nasce l'Accademia del Panino Italiano in via Pompeo Leone al 2: 1200 mq dedicati a convegni, mostre e progetti che esaltano il mondo del panino, quello rigorosamente Made in Italy, un viaggio per conoscere la storia, i migliori artigiani e gli ambasciatori più autorevoli del piatto più facile e tanto bistrattato dagli italiani. “Farsi un panino” non sarà più considerato un pasto di serie B; lo scopo dell'Associazione è “promuovere e valorizzare l’unicità del Panino Italiano in Italia e nel mondo”, rendere, in definitiva, il panino “un’icona del Made in Italy”, come la pasta e la pizza. L'Accademia ha già il suo manifesto: il magazine del Panino Italiano, che lavora per definire un protocollo con le caratteristiche identificative del nuovo cibo cult, oltre alla realizzazione di una App e di un programma televisivo.  Tra le sue fette il panino italiano suggerisce già nella sua conformazione la potenzialità per fare sistema tra l’inesauribile biodiversità dei prodotti italiani, dalla creatività al design, con l'ambizioso obiettivo di conquistare i mercati esteri togliendo terreno a hot dog e hamburger.

Anima dell'associazione Anna Prandoni, già direttrice della Cucina Italiana, ora impegnata in un nuovo progetto: ma quali sono i suoi panini cult? “Amo la rosetta con il prosciutto cotto da Un posto a Milano: la perfezione della semplicità. Ultimo tango a Parigi da Amuse Bouche: Costanza Zanolini ha creato un format godurioso, che permette di mangiare più panini senza remore, per finire con quello al cioccolato. Per chi ama i sapori fusion, rispettando sempre l'italianità del prodotto la risposta è l'orientale di Panino Giusto: una certezza senza pari, l'inno alla globalizzazione del sapore. Altro must sono i panini di Chiù in Vincenzo Monti: materie prime di grande livello, pane ottimo, porzioni da golosi. E infine due club sandwich speciali: quello del Park Hyatt e di Lina Farage in Brera”. Nella Milano “mordi e fuggi” i panini gourmet non mancano e noi abbiamo stilato il percorso degli imperdibili, quest'anno le nuove aperture ci hanno lasciato a bocca piena.

 

Myke Fish and Burger Bar, proposta super per abbinare panini e birre artigianali

Ha aperto da poco nel quartiere Isola, zona tra le più trendy di Milano il Myke Fish and Burger Bar, gemello del bistrot in via Quadrio al 25, acronimo di My Experience Kitchen, una cucina basata sull'esperienza: hanno cominciato come un semplice street food e, dato il successo, hanno aperto un locale (il primo, dicono, di numerosi fratelli, anche all'estero), con ottime proposte di abbinamento tra panini e birre artigianali dai 8,50 ai 10 euro. I panini imperdibili? I must sono il pulled pork, con la spalla di maiale cotta a bassa temperatura per ore; i fish burger a scelta tra salmone, tonno e branzino con patate al forno per un vero fish&chips italiano; i burger di riso per chi vuole stare leggero per una scelta glutenfree con a scelta tonno, pollo teryaki e seitan fatto in casa e per i vegetariani le proposte sono ampie: il falafel taco con le classiche polpette di ceci e tajin o la parmigiana burger per chi la ama anche a forma di panino.

Camilla Rocca

in data:18/03/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”