Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Jova Beach Party: opportunità anche per gli amanti della buona cucina

Agronews

Jova Beach Party: opportunità anche per gli amanti della buona cucina

Il Jova Beach Party, oltre ad essere indissolubilmente legato alla festa, alla musica e all’attenzione per l’ambiente, è un’esperienza sorprendente anche per gli amanti della buona cucina. Per il Jova Beach Party 2022 nasce infatti #JovaFoodgood, la food court del Jova Beach Party: un’ intera parte del villaggio dedicata al “Food & Beverage”, una sorta di grande dispensa del tour sintetizzabile in tre parole chiave: buona, giusta, sostenibile.

Già nel 2019, Jovanotti ha proposto una nuova forma di offerta culinaria coinvolgendo alcuni food truck particolari, non quelli che si trovano ai concerti di norma ricchi di alimenti confezionati o sottovuoto. E, da quell’esperienza, è nata la nuova iniziativa 2022. Selezionati da Filippo Polidori, consulente e Food Guru del Jova Beach, i princìpi che hanno mosso la selezione gastronomica sono stati quelli di qualità e sostenibilità, per offrire cibo che incontrasse i gusti più diversi a prezzi accessibili e nel massimo rispetto dell’ambiente.

L’iniziativa è nata unendo creatività, sostenibilità, storia e cultura, per stuzzicare la gustosità del palato senza tradire i principi su cui si basa il Jova Beach Party. Mangiare non è un gesto automatico e quotidiano ma un approccio alla vita, una questione di scelte per un futuro ideale, pulito e giusto. Attraverso il cibo si trasmettono valori importanti, alcuni dei quali sono gli stessi che muovono il Jova Beach Party. Perché, dunque, non provare ad alzare l’asticella nel segno della qualità?

Nel 2022 sono quindi aumentati il numero dei food truck e l’offerta gastronomica disponibile. I Trucker sono stati selezionati in base alla qualità dei prodotti e alla passione profusa nel proprio lavoro, con una proposta variegata da Nord a Sud fino ad arrivare in Oriente: il cibo, come la musica, non conosce confini e le diverse pietanze saranno servite esclusivamente con materiali compostabili, seguendo la filosofia sostenibile del Jova Beach Party. 

Tappa per tappa saranno inoltre coinvolti Special Food Guest, che si prenderanno cura della comunità degli ospiti del backstage (ad oggi più di 80 artisti e relativi staff provenienti da tutto il mondo) tra cui: Chef Riccardo Monico dell’Enoteca Pinchiorri di Firenze (tre stelle Michelin), Andrea Mattei di Bistrot di Forte dei Marmi (una stella Michelin), Davide di Fabio del Ristorante dalla Gioconda di Gabicce Monte, Giancarlo Perbellini di Casa Perbellini di Verona (due stelle Michelin), Norbert Niederkofler di St. Hubertus di San Cassiano (3 stelle Michelin) e altri ancora.

 

Credits Photo: Michele Maikid Lugaresi

in data:05/05/2022

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno