Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » L’hamburger preferito dagli italiani? grinta americana e anima Made in Italy

Food Mania

L’hamburger preferito dagli italiani? grinta americana e anima Made in Italy

Sono i risultati emersi da un Osservatorio Social sulla community di Al.ta Cucina in occasione della Burger Week (14-20 settembre)

Roma- Hanno le idee chiare gli italiani quando si parla di hamburger:  il panino deve avere grinta americana, “ma cuore e anima Made in Italy”. Emerge dall’Osservatorio Social realizzato da Al.ta Cucina sulla propria community nel corso del progetto ideato per Uber Eats, in occasione della Burger Week (14-20 settembre) organizzata dal brand di delivery.  Al.ta Cucina ha chiesto alla propria community quali sono gli ingredienti da rendere protagonisti di un panino speciale. Le risposte parlano chiaro: nonostante la crescente richiesta di ingredienti “healthy” in Italia, il burger preferito resta alla “Chef Rubio”, unto e bisunto. 

Il panino è stato così composto dalla community di Al.ta Cucina:

 

  1. Pane classico

  2. Hamburger di Manzo

  3. Crema cacio e pepe

  4. Zucchine Fritte

  5. Guanciale a listarelle

 

A farla da padrona è infatti ancora la carne, quella classica e intramontabile del manzo, scelto dal 71% dei rispondenti che supera pollo (17%), salmone (7%) e lascia decisamente indietro l’alternativa vegana (5%). Anche per il topping croccante gli italiani puntano sulla carne e tra gli insaccati proposti scelgono il guanciale (44%), nonostante il successo dello speck (42%) e seguito dalle fettine di crudo (14%). 

Allo stesso modo non c’è storia sulla scelta del pane per cui le alternative particolari come carbone vegetale (13%), barbabietola (5%) e spinaci (7%), sono nettamente superate dalle preferenze per il classico pane da hamburger (75%): morbido, sfizioso e con l’iconica cascata di sesamo sopra.  

Se gli ingredienti prediletti sembrano far vincere la ricetta originale made in the Usa, diversa è la situazione quando si arriva a parlare di formaggio: qui non può che essere made in italy. Ed è Roma con la crema cacio e pepe, la tipica salsa del relativo piatto capitolino, che conquista il palato di tutti con uno schiacciante 85% di voti, a discapito di cheddar (23%), emmental (9%) e fromage (5%). 

Infine, in ogni burger che si rispetti, non può mancare un tocco green: le verdure. E che ci si creda o no, anche qui gli italiani vanno in controtendenza: le verdure piacciono si, ma se sono fritte, di più. Ecco allora che la vittoria va alle zucchine fritte (44%), sconfiggendo funghi alla piastra (22%) e cipolla cruda (29%). Davvero per pochi invece i piccantissimi peperoncini Jalapenos (5%).

in data:13/10/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno