Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » L'insicurezza alimentare colpirà fino a 1,9 miliardi di persone entro novembre

Agronews

L'insicurezza alimentare colpirà fino a 1,9 miliardi di persone entro novembre

L’invasione russa dell'Ucraina ha sconvolto i mercati agricoli, aumentando l’inflazione alimentare e la fame nel mondo

Roma- Il numero di persone che affrontano l'insicurezza alimentare a livello globale aumenterà fino a 243 milioni entro novembre, per un totale di 1,9 miliardi di persone, spiega una nuova ricerca "Food Security and the Coming Storm", di Eurasia Group e DevryBV Sustainable Strategies. Il report presentato a New York in occasione del vertice inaugurale del Global Citizen NOW.

Il report offre nuove previsioni e raccomandazioni politiche per questa crisi globale, basate su un approccio collaborativo tra i partner, affidandosi ad analisi di scenari geopolitici, modellazione del mercato ed esperienza in materia. La guerra della Russia contro l'Ucraina ha sconvolto i mercati agricoli, aumentando l'inflazione alimentare e la fame nel mondo. Insieme alla pandemia Covid-19, la guerra e le reazioni dei paesi, stanno aumentando enormemente i prezzi dei prodotti alimentari a livello mondiale, aumentando il rischio di povertà, fame e malnutrizione.

Il report presenta tre potenziali traiettorie per la guerra tra Russia e Ucraina: unstable stalemate, escalation e climbdown. Il rapporto stima l'impatto di ciascuna di esse sull'insicurezza alimentare globale. In particolare, lo scenario più probabile secondo Eurasia Group, l’unstable stalemate (con una probabilità del 70%), è anche il più grave per quanto riguarda la questione della fame del mondo.

Anche nello scenario più ottimistico, il "climbdown" (probabilità del 5%), che presuppone un cessate il fuoco e un'attenuazione del conflitto, il livello di insicurezza alimentare nel 2022 sarebbe comunque superiore a quella del 2021. Prima della guerra, i livelli di fame avevano già superato i precedenti record stabiliti nel 2021, con quasi 193 milioni di persone in condizioni di grave insicurezza alimentare e bisognose di assistenza urgente in 53 paesi e territori.

Scenario di guerra

Probabilità

Persone con insicurezza alimentare da Novembre

Variazione rispetto a Maggio

Unstable stalemate

70%

1.92 miliardi

+17.3%

Escalation

25%

1.78 miliardi

+8.7%

Climbdown

5%

1.51 miliardi

-7.6%

Fonti: Eurasia Group, Gro Intelligence

 

Nonostante queste previsioni negative, il rapporto afferma che, se tutte le nazioni cooperassero, una serie di misure potrebbe contribuire a ridurre le sofferenze umane in qualsiasi scenario di guerra. Tra queste, uno sforzo coordinato per mantenere aperto il commercio alimentare con l'Ucraina e la Russia nonostante le sanzioni e altre questioni di carattere bellico.

 

in data:24/05/2022

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno