Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » La Doggy bag non supera l'esame di italiano

Filiera Corta

La Doggy bag non supera l'esame di italiano

Un'indagine Coldiretti sui comportamenti alimentari dimostra che la richiesta degli avanzi della tavola è considerata dalla maggior parte dei connazionali maleducata, volgare e da poveracci. Un italiano su cinque porta i resti del pasto a casa

Roma-  La “doggy bag” ancora non convince totalmente gli italiani. Per una quota superiore al 25 per cento dei connazionali chiedere al ristoratore gli avanzi della tavola è da maleducati, da poveracci e volgare. Altri si vergognano a richiederla. C’è in ogni caso un italiano su cinque (20 per cento) che quando esce dal ristorante si porta almeno talvolta a casa il resto del pasto non consumato. Un 28 per cento non lascia invece alcun avanzo quando va a mangiare fuori. I dati emergono dall’indagine Coldiretti/Ixe’ sui comportamenti alimentari degli italiani nell’estate 2015.

L’organizzazione agricola precisa che chiedere di portare a casa il cibo avanzato quando si va a mangiare fuori è un comportamento molto diffuso in altri Paesi a partire dagli Stati Uniti dove la doggy bag è una prassi consolidata per gli stessi Vip. Nell’anno dell’insediamento alla Casa Bianca a luglio nella prima visita ufficiale a Roma Michelle Obama ha scelto nel ristorante “I maccheroni” un menu a base di assaggi di pasta alla carbonara, lasagna e amatriciana accompagnati di vino rosso e prosecco facendosi notare per la richiesta della “doggy bag” con gli avanzi della cena come segnale contro lo scandalo degli sprechi alimentari mentre recentemente la cantante Rihanna è uscita da un prestigioso ristorante di Santa Monica esibendo una bottiglia di Sassicaia non ancora svuotata del tutto ed è stata intercettata dai paparazzi che pedinano i divi a Los Angeles e dintorni.

Una abitudine che non ha ancora contagiato capillarmente l’Italia dove permangono molte resistenze anche se di fronte a questa nuova esigenza - riferisce la Coldiretti - la ristorazione si attrezza e in un numero crescente di esercizi, per evitare imbarazzi, si chiede riservatamente al cliente se desidera portare a casa il cibo o anche le bottiglie di vino non finite e si mettono a disposizione confezioni o vaschette ad hoc.  Peraltro molte delle porzioni avanzate possono essere consumate a casa semplicemente riscaldandole oppure utilizzate come base per realizzare ottime ricette.

 

L'INDAGINE|QUANDO ESCE DAL RISTORANTE RICHIEDE LA DOGGY BAG CON GLI AVANZI ?

Sempre, spesso, talvolta                                                                             20%

Raramente                                                                                                  12%

Non lascio mai avanzi                                                                                    28%

No perche non è educato, volgare, da poveracci o mi vergogno                         25%

Non saprei cosa farmene                                                                                 14%

Non risponde                                                                                                   1%

Fonte: Indagine Coldiretti/Ixe’

in data:18/08/2015

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno