Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Gli imprenditori del Gusto » La giardiniera di Morgan Pasqual, cinque diverse ricette dedicate alla famiglia

Gli imprenditori del Gusto

La giardiniera di Morgan Pasqual, cinque diverse ricette dedicate alla famiglia

Chiuso il ristorante di proprietà nel 2012 l'imprenditore si è dedicato esclusivamente alla perfezione del prodotto. Il periodo migliore per consumarlo è Pasqua

Vicenza- Morgan Pasqual ha cominciato a produrre la giardineria che ha preso il suo nome nel 2005 nel suo ristorante a Malo (Vicenza), i 5 Sensi, voleva un accompagnamento agrodolce a un piatto a base di maialino ma non si accontentava di quelli in commercio. La giardineria prese presto piede e numerosi clienti cominciarono a ordinarla per portarla a casa, ecco che nel 2012, la richiesta era così importante che si decise di chiudere il ristorante e dedicarsi alla produzione delle giardiniere, fino a creare cinque diverse ricette dedicate a ogni componente della famiglia Pasqual, che hanno preso i nomi dei figli e della moglie, quindi Morgan, il papà, Luciana, la mamma, e i figli Giada Maria, Giovanni, Annapaola.

Ma quali sono i segreti per la perfetta giardiniera? Nato come sistema per conservare le verdure per consumarle in ogni momento dell'anno, la giardiniera è una vera e propria ricetta, dato che gli accostamenti delle singole tipologie porta un sapore caratteristico al prodotto finale. Ecco per punti come creare la giardiniera del cuore, anche in casa:

  1. Scegliere verdure croccanti, selezionando il meglio della materia prima sul mercato, dato che con la successiva aggiunta di olio d'oliva e aceto queste tenderanno a perdere la durezza erbacea.
  2. Selezionare bene le verdure che si intendono unire, pensando al gusto complessivo che si vuole ottenere
  3. Tagliare i singoli ortaggi a pezzi grossolani, in modo da mantenere la croccantezza, in particolare se si usa il peperoncino, per non ottenere un effetto troppo piccante, è meglio metterlo intero
  4. Cuocere separatamente ogni singolo ortaggio secondo i minuti previsti di cottura
  5. Realizzare il giusto mix di olio di oliva, di semi e di aceto e zucchero per il caratteristico effetto agrodolce che si vuole donare alla giardiniera (Morgan qui è stato vago, si tratta del segreto della Giardiniera di Morgan)
  6. Aspettare almeno 6 mesi in modo che tutte le verdure si amalgamino con il composto agrodolce

Il periodo perfetto e storicamente più indicato per consumare la giardiniera è proprio la Pasqua, prima dell'arrivo dei nuovi germogli e ortaggi freschi. Per questo periodo Morgan Pasqual ha inventato i primi ovetti di Quaglia in agrodolce, ovvero sotto forma di “giardiniera”, con la versione ovetti e asparagi dedicata proprio alla primavera.

“Ascoltando nuove storie – spiega Morgan Pasqual – nascono continue intuizioni gastronomiche. La nostra novità parte da un elemento semplice: l'uovo. Ma non un uovo qualunque. L’uovo di quaglia perfetto nel suo equilibrio nutrizionale e nella forma così piccola che già di per sé è arte. Un prodotto che migliora ancora di più se abbinato alle croccantezze dell'orto o alle spezie giuste”. 

Gli ovetti di quaglia sono proposti in più versioni: in purezza, con il carpione di verdure e semi di finocchietto, con i funghi pioppini, con gli asparagi bianchi, con la salicornia e con i pomodorini e le olive taggiasche. Senza additivi chimici e con lavorazione esclusivamente a mano gli ovetti di Qauglia di Morgan si trovano nei negozi specializzati, come gastronomie, salumerie, macellerie ed enoteche.

Camilla Rocca

in data:20/03/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    La Top ten delle etichette più belle d'Italia: ORNELLAIA 2011 (ORNELLAIA)

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”