Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » La metà degli italiani non conosce il significato di made in Italy agroalimentare

Filiera Corta

La metà degli italiani non conosce il significato di made in Italy agroalimentare

E' quanto emerge da un'indagine Granarolo sui bisogni informativi dei consumatori. Lo studio rileva che il 95 per cento degli intervistati ritiene importanti le etichette alimentari, ma soltanto il 18% le legge integralmente

Roma- Sul fronte della  comunicazione e informazione alimentare c’è ancora molto da lavorare.  Ad oggi, secondo un’indagine del gruppo lattiero caseario Granarolo, il 50 per cento di un campione di intervistati  non conosce il significato di “Made in Italy” di un prodotto alimentare (non necessariamente prodotto con materie prime italiane), il 30 per cento  circa crede che sia stato realizzato con materie prime italiane ma il 96% (quasi totalità) ritiene importante un prodotto realizzato con materie prime italiane ed è disposto a spendere fino al 73% in più per averlo. L’indagine, condotta su 1.021 cittadini italiani (313 Nord, 389 centro, 319 sud) di età compresa tra 18-30 anni (17%), 31-50 (38%), 51-70 (35%), oltre 70 (10), uomo (45%), donna (53%), nr (2%), istruzione elementare (2%), media (15%), superiore (42%), universitaria (36%), nr (2%), è stata presentata al teatro della Terra | Biodiversity Park di Expo.

Lo studio rileva inoltre Il 95 per cento degli intervistati ritiene importanti le etichette alimentari, ma soltanto il 18% le legge integralmente.  L’attenzione maggiore riguarda soprattutto la data di scadenza (per il 63%). I ricercatori segnalano inoltre che l’84% è sfavorevole all’uso di latte in polvere per produrre formaggi. Dalla ricerca emerge tra l'altro che il 96% ritiene importante avere una filiera agroalimentare controllata. Un intervistato su tre si rivolge alle associazioni di consumatori in caso di cibo avariato. Il 95% degli intervistati è a conoscenza del significato di almeno una delle più comuni certificazioni europee indicate in materia di prodotti agroalimentari.(Dop., Doc., Igt., Docg), ma quando viene chiesto di specificarne meglio la differenza, gli intervistati entrano in difficoltà.

L’indagine è stata realizzata dall’Osservatorio permanente sulla Filiera italiana del Latte «Mangiar Sano, Filiera Italiana» costituito da Adoc, Cittadinanzattiva, Federconsumatori e Movimento Consumatori insieme al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e Granarolo.

in data:20/10/2015

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno