Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Le tre “super-top foodie destination” al mondo sono Parigi, Tokio e Roma

Food Mania

Le tre “super-top foodie destination” al mondo sono Parigi, Tokio e Roma

I viaggi gourmet conquistano sempre più i millenial secondo Hotels.com

Roma- Parigi (27%), Tokio (23%) e Roma (22%) sono  le mete “foodie” più ambite al mondo secondo la classifica stilata da Hotels.com con la ricerca “Tasty Travels"  La cucina locale- si legge in una nota-  è il fattore determinante per due terzi dei Millenial al momento di organizzare un viaggio e selezionare la meta (70%), mentre la bellezza delle spiagge (41%), le promozioni e offerte di viaggio (15%), e le opportunità di shopping (18%) risultano meno appetibili.  Le generazioni più giovani sono ora ancora più focalizzate sui cibi che sperimenteranno in viaggio (64%) più che sulla visita a monumenti o luoghi di importanza storica (58%) o all’esplorazione di paesaggi e natura (27%). Per i Millenial il cibo viene prima degli amici: il 76% ammette di preferire immortalare su Instagram le pietanze, mentre il 56% ammette di preferirlo al posto di scattare foto agli amici (56%) hashtag #sorrynotsorry.

Lo studio di Hotels.com rileva una tendenza netta: la forte crescita, dei post con immagini in cui il cibo è protagonista. Gli scatti dedicati al cibo sono in fase di escalation sui social: in una vacanza di 7 giorni, i viaggiatori Millennial scattano in media 142 foto, di cui almeno un quarto dedicate unicamente al cibo. Le pietanze più social in viaggio: lo studio di Hotels.com® incorona la pizza (33%) come pietanza più postata sui social dai Millenial, seguita da dolci come donut e freak-shake (22%) e da hamburger e birra (19%). I giovani viaggiatori sono inoltre più curiosi e più coraggiosi nelle loro scelte di approccio al cibo: un Millenial su cinque proverebbe le zampe di pollo (19%) e il gelato al gusto d’aglio (17%).

Lo studio “Tasty Travels” di Hotels.com fa emergere inoltre quanto conti poco per i Millenial l’esperienza gastronomica a 5-stelle, il 20% riferisce di preferire lo street food e il 19% lo preferisce a un ristorante stellato Michelin. Le esperienze di gusto sono on top tra i ricordi di viaggio dei Millennial: il 76% dei viaggiatori dai 18 ai 35 anni afferma che le esperienze “foodie” sono quelle che emergono di più tra i loro ricordi di viaggio; surclassando il ricordo del bel tempo speso con i compagni di viaggio (22%), e persino quello delle attività ad alto tasso di adrenalina (11%) #TastyTravels.

in data:19/06/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo