Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Materia, design-bistrot dal relax assicurato

L'indirizzo

Materia, design-bistrot dal relax assicurato

Aperto nel quartiere San Giovanni di Roma il ristorante propone menù stagionali in un'atmosfera piacevole e riposante a partire dalla mattina con la colazione

Roma- E’ il posto giusto per un meritato relax dove buon cibo e un design di livello si coniugano perfettamente. Parliamo di Materia Food Coffee & Design  (Via Andrea Provana, 9), design-bistrot con habitat a Roma che ha tutte le carte in regola per essere duplicato in altri punti della città. Il progetto ristorativo, da una forte connotazione femminile per l’aspetto di arredamento, ha in Massimiliano Benatti l’uomo che ha tradotto l’idea di proposta gastronomica in realtà. Situato nel pieno centro della città, nel quartiere di San Giovanni, il bistrot garantisce, a partire dalla mattina, un servizio di caffetteria al bancone e al tavolo con una scelta per il cliente di ordinare  il tradizionale caffè o un cappuccino con cornetto e dolci, ma anche estratti di frutta fresca, yogurt, muesli e brownies. Il menù del pranzo , rispettoso dei prodotti di stagione e della tradizione,  comprende invece piatti espressi, insalatone e panini. Possibile anche una pausa merenda nel pomeriggio o un aperitivo prima della cena.

Per cena si possono  ordinare le proposte alla carta con i piatti ideati dallo chef Nando Melileo  proveniente dall’esperienza del ristorante Emozionando di Salerno.  Dalla carta si possono scegliere taglieri di salumi e formaggi  e proposte vegane come i gustosi cavoletti di Bruxelles con uvetta, pinoli e maionese vegana. Tra i primi da segnalare sono i  ravioli al gorgonzola con crema di limone, pepe rosa e semi di papavero , del  pesce fresco con il Pacchero ai pomodorini gialli e calamaretti e i Maltagliati su crema di Cannellini, cime di rapa e salsiccia. Non mancano le  zuppe. Nella proposta dei  secondi  salgono all’attenzione le polpette al sugo con riso basmati e il  Filetto di salmone con patate viola, olio di sesamo e salsa di soia. Presente anche una scelta  vegetariana come gli involtini di verza. Nel bistrot  si possono acquistare piccoli oggetti di design innovativo e sono in programma incontri di meditazione, concerti di musica dal vivo e dj set.

in data:19/04/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo