Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Nasce etichetta accessibile dell'olio per non vedenti

Agronews

Nasce etichetta accessibile dell'olio per non vedenti

Offrire la possibilità di scegliere consapevolmente cosa mettere in tavola anche a chi non vede: è questo lo scopo dell'etichetta accessibile dell'olio d'oliva realizzata dal Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (Crea) con il suo centro di olivicoltura, frutticoltura e agrumicoltura, in collaborazione con l'Unione non vedenti e ipovedenti di Cosenza, Sisspre s.r.l. e l'azienda agricola Oli Tucci. Il progetto, che interessa- segnalano gli ideatori- oltre  1.500.000 italiani, è un'etichetta narrante realizzata grazie al linguaggio braille e alle moderne tecnologie per consentire, a chi è affetto da disabilità visiva, il libero accesso ed un'agevole fruizione delle informazioni sulla composizione e sulle proprietà dell'olio d'oliva. Le informazioni dell'etichetta riguardano, oltre alla composizione e alle proprietà nutrizionali, anche altre notizie tra cui la denominazione di vendita e il Paese di provenienza delle olive e dell'olio.

Il progetto di inclusione sociale spiega una nota - ha visto il Crea fornire le indicazioni per l'etichetta braille e ha creato lo storytelling per raccontare la cultivar, Sisspre, start up dell'innovazione, ha invece creato la tecnologia, l'Unione non vedenti e ipovedenti di Cosenza ha realizzato la grafica e stampato l'etichetta. "Un ente di ricerca, inserito e radicato nel territorio come il nostro, - ha dichiarato Gabriella Lo Feudo, responsabile dell'iniziativa per il Crea olivicoltura, frutticoltura e agrumicoltura - non poteva non avvertire la necessità dei consumatori-cittadini. Leggere le etichette è un diritto-dovere dei consumatori e tutti devono essere messi nelle condizioni giuste per poterlo fare"

in data:12/06/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion