Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Nasce il comitato di tutela della pizza bianca romana alla pala del fornaio

Agronews

Nasce il comitato di tutela della pizza bianca romana alla pala del fornaio

Al via il comitato di tutela e valorizzazione della 'Pizza bianca romana alla pala del fornaio', uno dei prodotti gastronomici storici più caratteristici della capitale. A presentarlo è stato Assopanificatori-Confesercenti. "Un'iniziativa che non è circoscritta ai soli fornai iscritti - spiega Assopanificatori - ma che vuole mettere insieme i panificatori di Roma e i cittadini che desiderano preservare la tradizione della pizza romana, al fine di salvaguardare un prodotto dall'antica tradizione, capace di generare, nei circa 420 forni romani, un fatturato annuo che si aggira su circa 30 milioni di euro". Il comitato, che ha già visto l'adesione di una ventina di forni, è composto, oltre che da operatori del settore, da personalità dello spettacolo, della stampa, medici e scienziati.

Come comitato, spiega Assopanificatori, "ci impegniamo a far rispettare l'antica ricetta attraverso la dettagliata descrizione del prodotto (pasta soffice e croccante, alveolata, bordo basso e friabile, fatta con farina di grano tenero, acqua, lievito, sale e olio extravergine d'oliva, a forma ovale allungata, schiacciata a mano, preparata con un processo a lunga lievitazione per conferire croccantezza), la circoscrizione dell'area di produzione o la delimitazione geografica, il disciplinare di produzione, con la prova dell'origine del prodotto e del metodo di ottenimento, le caratteristiche organolettiche e l'elaborazione degli elementi che comprovano il legame con il territorio e il suo ambiente e la denominazione".

in data:18/04/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo