Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Niente “schiscetta” o mensa: gli italiani scelgono il ristorante

Food Mania

Niente “schiscetta” o mensa: gli italiani scelgono il ristorante

Il dato di consumo emerge da un’indagine condotta da TheFork. Le tipologie di cucina preferite a mezzogiorno sono quelle regionali italiane e mediterranea, seguite in ordine da pizzerie, hamburgherie e ristoranti etnici

Roma- Solo il 26% degli italiani dichiara di portare sempre la “schiscetta” in ufficio o di andare ogni giorno in mensa, mentre sono ancora pochi a ordinare il pranzo online (il 77% dei rispondenti dichiara di non farlo mai).  Il dato di consumo emerge da un’indagine condotta da TheFork,  applicazioni nel mondo per la ricerca e prenotazione online dei ristoranti. Dal sondaggio effettuato, che ha coinvolto quasi 300 utenti, il ristorante è una scelta frequente per la pausa pranzo: il 65% dei rispondenti afferma di mangiare fuori in pausa pranzo almeno una volta alla settimana. Di questi, il 13% si reca al ristorante tutti i giorni. Tra i requisiti più importanti per la scelta di un ristorante in pausa pranzo i più comunemente ricercati sono nell’ordine: prezzi convenienti, servizio veloce, presenza di un menù pranzo e un’offerta che includa piatti salutari.

Le tipologie di cucina preferite a mezzogiorno sono quelle regionali italiane e mediterranea, seguite in ordine da pizzerie, hamburgherie e ristoranti etnici. Vi è anche chi sceglie piadinerie, bar con tavola calda, forni e ristoranti che offrono piatti vegetariani e insalate. Quanto ai piatti più ordinati in pausa pranzo non c’è dubbio: pasta e insalata la fanno da padrone, seguiti a distanza da pizza, secondi di carne e pesce, sushi e altri piatti vegetariani o etnici.

Quasi l’80% va al ristorante in pausa pranzo con i colleghi, mentre il 7% dei rispondenti vi si reca con clienti e partner e infine il 17% sceglie di mangiare più spesso fuori con persone estranee al contesto lavorativo. In questo ultimo caso si è disposti a spendere 11,5 euro a persona, cifra che sale a 25 euro, quando invece si tratta di business lunch con clienti e partner.bb

in data:29/10/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo