Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Olio made in Italy, campagna olivicola segnata dal segno meno

Agronews

Olio made in Italy, campagna olivicola segnata dal segno meno

Produzione in calo del 38% per un totale di 265 milioni di chili. La rilevazione è di Ismea

Roma- Produzione di olio di oliva Made in Italy in calo del 38%. Il dato emerge da analisi di mercato Ismea e rilanciato da Coldiretti in occasione della Giornata nazionale dell’extravergine italiano al Villaggio contadino al Circo Massimo a Roma.  La produzione italiana è di 265 milioni di chili.

A pesare- commenta l'organizzazione agricola-  sono stati il gelo invernale di Burian e i venti accompagnati dalla pioggia durante la fioritura che hanno ridimensionato pesantemente i raccolti anche se le previsioni – sottolinea la Coldiretti - classificano l’Italia come secondo produttore mondiale nel 2018/19. La Puglia si conferma essere la principale regione di produzione, con 87 milioni di chili, nonostante il calo del 58%, mentre al secondo posto si trova la Calabria, con 47 milioni di chili e una riduzione del 34%, e sul gradino più basso del podio c’è la Sicilia dove il taglio è del 25%, per una produzione di 39 milioni di chili, mentre in Campania il raccolto è di 11,5 milioni di chili, in riduzione del 30%. Al centro diminuisce a 11,6 milioni di chili la produzione in Abruzzo (-20%) e a 14,9 milioni di chili nel Lazio (-20%) mentre aumenta a 17,8 milioni di chili in Toscana (+15%) come nel nord dove complessivamente – precisa Coldiretti –si registra un aumento del 30%. 

 

Produzione Italiana di olio di pressione (tonnellate)

 

 

2013

2014

2015

2.016

2017

2018°

Var. %°

Piemonte

14

4

5

7

8

8

0%

Lombardia

911

221

627

745

572

572

0%

Trentino Alto Adige

347

200

282

327

330

363

10%

Veneto

888

957

1.761

2.182

1.110

1.554

40%

Friuli Venezia Giulia

42

50

134

118

105

105

0%

Liguria

6.910

1.992

5.568

1.644

4.165

6.248

50%

Emilia Romagna

661

642

1.208

973

1.242

1.118

-10%

Toscana

16.615

6.197

19.202

15.093

15.496

17.820

15%

Umbria

6.710

1.074

5.781

4.398

4.458

5.350

20%

Marche

3.780

1.763

5.135

1.607

5.453

3.272

-40%

Lazio

24.960

5.655

20.877

11.025

18.574

14.859

-20%

Abruzzo

19.211

4.143

14.715

3.488

14.464

11.571

-20%

Molise

6.578

1.463

4.006

1.665

3.601

3.601

0%

Campania

44.220

5.101

19.332

4.321

16.414

11.490

-30%

Puglia

179.393

134.757

242.169

103.791

205.983

86.513

-58%

Basilicata

6.918

2.485

8.162

1.212

7.037

7.037

0%

Calabria

98.102

25.241

66.365

12.345

71.157

46.964

-34%

Sicilia

44.186

22.620

52.409

13.941

52.381

39.286

-25%

Sardegna

5.500

7.442

6.882

3.443

6.370

6.370

0%

ITALIA

465.946

222.007

474.620

182.325

428.920

264.101

-38%

Fonte: Elaborazioni Coldiretti su previsioni Ismea

 

 

in data:06/10/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo