Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » Pausa caffè: sono sempre di più gli italiani che preferiscono il distributore automatico al bar

Filiera Corta

Pausa caffè: sono sempre di più gli italiani che preferiscono il distributore automatico al bar

Tra i motivi la mancanza di tempo, i cambiamenti negli stili di vita e delle abitudini alimentari, le comodità e qualche piccolo risparmio

Roma- Il tradimento è compiuto o quasi. Sono sempre di più gli italiani che fanno la loro pausa caffè davanti a un distributore automatico e non comodamente seduti a un tavolo di un bar. Il motivo: mancanza di tempo, cambiamenti negli stili di vita e delle abitudini alimentari, comodità e perché no, qualche piccolo risparmio. I dati del settore confermano il trend in crescita, quasi 5 miliardi di consumazioni (4 miliardi e 960 milioni) nel 2016 sono state infatti erogate dalle cosiddette "vending machine" per un fatturato di 1,83 miliardi di euro, con un aumento di 0,48% rispetto all'anno precedente, secondo quanto rileva uno studio di Confida in collaborazione con Accenture. Numeri alla mano ogni italiano acquisterebbe cibi e bevande almeno 2 volte a settimana ai distributori automatici.

Ad oggi in Italia- si legge in una nota- ci sono oltre 800 mila distributori automatici installati, contro i 590 mila in Francia e 550 mila in Germania. L'Italia ha quindi la più grande catena distributiva automatica alimentare. Le macchine sono ubicate presso aziende pubbliche e private, ospedali, scuole, università ma anche nei luoghi di transito come aeroporti, stazioni, metropolitane. Sono aperte 24 ore al giorno e monitorate a livello di norme igienico-sanitarie.

in data:11/03/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo