Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Pico Gelato: arte argentina, qualità italiana

L'indirizzo

Pico Gelato: arte argentina, qualità italiana

La gelateria, guidata da Gustavo Fabian Sosa, apre a Roma il terzo punto vendita con l'obiettivo di dare vita a un quarto nella zona Parioli

Roma-  In sei anni tre punti di vendita all’insegna della bandiera argentina con la prospettiva di aprirne un quarto nella zona Parioli di Roma. Il fiore all’occhiello è  il dulce de leche, gusto del Paese dell’America del Sud preparato facendo cuocere latte e zucchero fino a farlo diventare una crema con un sapore dolce. Artefice del ritrovo dei buongustai e amanti del gelato chiamato “Pico Gelato” è Gustavo Fabian Sosa, maestro gelatiere argentino con tanti anni di gavetta e  adottato da  lungo tempo in Italia.

L’ultima attività aperta con annesso laboratorio, dopo la prima del 2013  in Largo XXI Aprile 1 , è quella di via Ridolfino Venuti 77, nella zona di Piazza Bologna che va ad aggiungersi a quello del Flaminio in Via Donatello 81. La forza del successo è invece nell’utilizzo solo di addensanti naturali e materie prime freschissime e di stagione che vengono lavorate al momento nel laboratorio, senza basi già pronte. Tra i gusti proposti, per fare qualche esempio, il Pistacchio di Bronte (certificato Dop con tostatura semplice), Stracciatella (con cioccolato fondente Ecuador 74%), Mandorla (preparato con latte biologico e mandorla pelata gemella di Avola). Da “Pico” sono inoltre preparate , oltre ai gelati da banco, anche torte e piccoli stecco da asporto

in data:13/06/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion