Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » Prima colazione: il modello breakfast anglosassone non supera l'esame di italiano

Filiera Corta

Prima colazione: il modello breakfast anglosassone non supera l'esame di italiano

Un sondaggio Doxa-Aidepi dimostra che la preferenza dei connazionali per il menù salato è ancora molto bassa: bacon e fagioli hanno rispettivamente un 7% e un 4% di fan. Vince il dolce con un 65% di scelta

Roma- E’ ancora l’intramontabile colazione dolce ad allietare l’inizio della giornata degli italiani. Un sondaggio Doxa- Aidepi (associazione delle industrie del dolce e della pasta) dimostra che la colazione fatta di biscotti, fette biscottate, marmellate, merendine e cornetti ha in Italia la meglio su quella salata. Una scelta che appare schiacciante vista la percentuale di vittoria che è pari al 65% contro un 7 per cento di quelli che scelgono il salato. Il 19 per cento alterna invece il dolce al salato.  I dati dimostrano tra l'altro che il modello breakfast anglosassone sembra non attecchire nelle tavole della prima colazione dello Stivale: bacon e fagioli si trovano agli ultimi posti nelle preferenze dei cibi rispettivamente con il 7% e il 4% delle preferenze

Tra i prodotti del menù della colazione dolce troviamo al primo posto i biscotti (58%), seguiti da fette biscottate, con o senza marmellate, miele e creme spalmabili alla nocciola o al cacao (19%). A seguire, più o meno a pari merito (tra il 7 e il 9% dei consensi) tre gruppi di alimenti: cereali, muesil, merendine, brioches, cornetti confezionati e yogurt. Anche il caffè, a colazione, è per la grande maggioranza degli italiani solo e sempre dolce (68%) contro un 25% che lo prende amaro, modalità quest’ultima molto apprezzata dai giovani under 35. E’ segnalato inoltre che la colazione dolce è particolarmente amata dalle donne che la preferiscono agli uomini (71% contro 59%) ed è anche la tipologia preferita dai più giovani (70% contro media del 65%). Lo studio segnala inoltre che diminuiscono le persone che saltano la colazione e in percentuale passano dal 14% al 9% in due anni

Infine la minoranza che sceglie la colazione salata motiva la decisione dal fatto che piace di più rispetto al dolce (49%) e perché il dolce non piace molto in generale (21%). Altri dichiarano che il salato sazia di più (16%) e altri dicono che è più salutare di quella dolce (16%). Re della colazione salata è il pane che nella versione del panificio ottiene un 44% di preferenze, mentre quello confezionato un 28% per un totale del 72%. Molto bene il toast (34%), crakers, salumi, uova e focaccia sono invece tra il 24 e il 27%, grissini (14%) e la pizza (10%).

in data:21/04/2015

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno