Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Prima la foto e poi la degustazione del cibo per due italiani su tre

Food Mania

Prima la foto e poi la degustazione del cibo per due italiani su tre

E’ quanto emerge da un’indagine di Wmf condotta tra 800 internauti della penisola

Roma-  Ben 2 italiani su 3 fotografano sempre i piatti pronti in tavola prima di gustarli. E’ l’effetto social network che ha, ormai, reso indissolubile il connubio food e fotografia. E’ quanto emerge da un’indagine di Wmf, brand tedesco specializzato in prodotti e elettrodomestici da cucina, condotta tra 800 internauti italiani. Tant’è che per il 91% degli intervistati è fondamentale che un piatto sia tanto buono quanto bello da vedere e, nemmeno a dirlo, da fotografare.

Ma quali sono i momenti dedicati al cibo che gli italiani preferiscono immortalare in uno scatto? I piatti pronti (81%), ancora immacolati, sono i soggetti preferiti per gli scatti dei food lovers, seguiti dalla preparazione (63%) con bella mostra di ingredienti e di strumenti. Mentre, mostrare le proprie abilità ai fornelli durante la cottura è motivo di selfie solo per il 47% del campione. Infine, i momenti più goderecci, mentre si mangia (21%) o si brinda (36%).

A proposito di ingredienti e piatti, a farla da padrona è la pizza, fotografata almeno una volta dall’85% del campione dell’indagine di WMF. A seguire Sushi (66%), Pollo (61%), Insalata (57%), Pasta (51%), Burger e panini (46%), Uova (39%), Bistecca (27%) e Avocado (23%).

in data:11/06/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion