Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » QuarantunoDodici: brigata stellata non hipster per una cucina di mare di territorio

L'indirizzo

QuarantunoDodici: brigata stellata non hipster per una cucina di mare di territorio

A Fiumicino, in provincia di Roma, lo chef Daniele Usai propone piatti di pesce del Lazio con tipicità locali in un locale accogliente all'interno dello Yacht Club Nautilus

Roma- L’esperienza è di quelle da provare più volte. I motivi sono diversi per ritornare: la location, la cucina di mare e i piatti stellati di Daniele Usai, detto “Lele” per gli amici e per i gourmet incalliti. Parliamo di QuarantunoDodici (Via Monte Cadria, 127), ristorante che prende il nome dalle coordinate del posto, un luogo gourmet che si trova  dove il fiume Tevere incontra il mare e che ha il suo habitat all’interno di uno Yacht Club, il Nautilus di Fiumicino (Roma). In un quadro quindi di romanticismo e intimità per trascorrere serate al chiaro di luna e pranzi con pescato di giornata, tipicità del territorio e qualche portata con influenze orientali il desiderio di scegliere QuarantunoDodici altre volte è inevitabile non solo per l’atmosfera, ma anche per l’accoglienza e il servizio curato nel particolare con una Brigata di cucina non hipster, viste  le mode e le tendenze del momento: in sala per la prima vola non si vedono tatuaggi o barbe, per dirla in parole povere non c’è traccia di hipster dando al ristorante quel tocco di diverso che fa la differenza dall’universo mondo.

Il resto lo fa la cucina e questo appare normale vista la stella Michelin ottenuta dallo chef Usai nel 2015: una volta seduti a tavola si odora quel profumo di contemporaneità e uno stile personale che danno una marcia in più all’intero menù proposto. Ecco quindi che senza rimanere delusi e mangiando su tavole ampi e trasparenti, si possono gustare in ciotole dal decoro orientale il pesce autoctono del territorio. Tra gli antipasti consigliati Gazpacho invernale e mazzancolle croccanti, Tartare di ricciola e guacamole, Tempura di calamari e mazzancolle; Pesce Spada affumicato lamponi e misticanza.  I ravioli alla pescatora ripieni di stracchino e conditi con sugo di pesce, funghi enoki e salicornia è invece il primo da preferire, ma anche gli spaghetti alle conchiglie con vongole, lupini e telline piccantini e profumati d’aglio non sfigurano. Da ordinare poi senza ombra di dubbio la grigliata mista e marinata alle erbe. Tra i dolci da scegliere la mousse al cioccolato bianco, frutti rossi e meringa ai semi.

Gianluca Pacella

in data:09/03/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo