Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Ricette semplici ma sfiziose, ecco la cucina al tempo del Coronavirus

Food Mania

Ricette semplici ma sfiziose, ecco la cucina al tempo del Coronavirus

Osservatorio Al.ta Cucina traccia un quadro preciso in questo momento di emergenza sanitaria, interpellando la propria community

Roma-  Vincono le ricette semplici ma sfiziose in casa degli italiani reclusi tra le mura domestiche per il Coronavirus. Emerge dall’osservatorio social creato da Al.ta Cucina, che ha voluto tracciare un quadro preciso in questo particolare momento, interpellando la propria community. Una ventina in tutto le domande poste agli utenti, a cui è stato chiesto se e come sono cambiate le loro abitudini alimentari in questo periodo. Hanno risposto in oltre 110.000, concedendo un quadro piuttosto realistico della situazione.

La quasi totalità delle risposte ha indicato che si è ripreso a cucinare cibo fresco, con oltre il 90% delle risposte, mentre numeri ad una sola cifra hanno caratterizzato le percentuali di delivery e piatti pronti. A questo bisogna aggiungere che il 41% si concede anche due spuntini tra i due principali pasti, facendo altresì emergere (54%) di non riuscire a seguire una dieta.

Sempre secondo l’osservatorio, è aumentato il volume della ‘spesa’ in media, con il 41% che fa scorte in media per una settimana. Bassissima invece la penetrazione della spesa online, con solo il 5%. L’alimento più acquistato è la pasta, manco a dirlo, che si conferma il cibo più presente tra le mura domestiche degli italiani. Ma non chiedete un piatto di penne lisce, visto che il 76% dichiara di non acquistarle.

in data:18/03/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion