Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Ristoranti, le recensioni gastronomiche condizionano la scelta

Food Mania

Ristoranti, le recensioni gastronomiche condizionano la scelta

Il 93% degli italiani dichiara di essere sensibile alle informazioni trovate online, mentre il 67% dice che è stato influenzato dalle foto del locale. E' quanto emerge da una ricerca di TripAdvisor

Roma- Le recensioni online influenzano la scelta del luogo in cui mangiare. La conferma arriva daTripAdvisor  (sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi) con il sondaggio“Fattori che influenzano le decisioni dei clienti” volto a comprendere il ruolo delle recensioni online nel processo di scelta di un ristorante da parte dei consumatori. L’indagine è stata fatta  su un panel composto da oltre 9.500 persone provenienti da Italia, Francia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti. Dall’analisi emerge che la stragrande maggioranza dei rispondenti italiani (93%) ha dichiarato che le recensioni online influenzano la scelta del luogo in cui mangiare, mentre il 67% è stato influenzato dalle foto del ristorante. Tra i Paesi europei presi in considerazione dallo studio, l’Italia è risultata essere la più sensibile alle recensioni online in ambito gastronomico: la loro influenza nella scelta del ristorante è infatti inferiore per Spagna (91%), Francia (90%) e Regno Unito (87%). Unico Paese a superare l’Italia sono gli Stati Uniti con il 94%.

Il 92% dei rispondenti italiani ha inoltre affermato che i contenuti di TripAdvisor relativi alla ristorazione li hanno spinti a provare un nuovo ristorante. La Spagna è l’unico Paese in cui la percentuale è risultata superiore (94%), mentre è inferiore per Regno Unito (87%), Francia (89%) e Stati Uniti (90%). Viene inoltre segnalato che sia i viaggiatori che le persone del luogo usano TripAdvisor come sito per scoprire ristoranti e il 91% degli italiani intervistati dice di aver scelto di mangiare in un ristorante dopo aver visto i punteggi, le recensioni, le classifiche o i premi di TripAdvisor. Anche in questo caso gli utenti italiani risultano più sensibili rispetto agli altri Paesi (Stati Uniti 90%, Regno Unito 85%, Francia 82%, Spagna 83%). Rispetto a Facebook e Google, il 92% dei rispondenti italiani ha dichiarato di preferire TripAdvisor per scegliere un ristorante quando si trova nel proprio Paese/città, mentre questa percentuale sale al 96% per la scelta durante un viaggio. I rispondenti trovano infine  che i contenuti di TripAdvisor relativi agli esercizi ristorativi sono affidabili e accurati, soprattutto se confrontati con quelli dei competitor. Rispetto a Google e Facebook, l’85% dei rispondenti italiani ha affermato che TripAdvisor offre recensioni e foto dei ristoranti più accurate, affidabili, utili e descrittive. Il 94% dei rispondenti italiani dice di aver letto le risposte della direzione relative alle recensioni di TipAdvisor, dato in linea con quello degli altri Paesi coinvolti nel sondaggio e oltre la metà dei rispondenti (54%) è stato invogliato a provare un ristorante nonostante la presenza di recensioni negative grazie alle risposte della direzione.

 

L’Italia è mobile

I clienti dei ristoranti utilizzano sempre più i loro dispositivi mobili per trovare ristoranti in movimento, soprattutto nel nostro Paese. Se in Francia, Regno Unito e Stati Uniti meno della metà dei rispondenti ha dichiarato di cercare abitualmente ristoranti nelle vicinanze utilizzando il proprio smartphone (rispettivamente 41%, 44% e 49%), in Italia la quota sale a quasi 3 rispondenti su 4 (73%). La Spagna segue a breve distanza con il 60%.

 

Le prenotazioni

Più di un italiano su 2 (54%) ha prenotato almeno una volta un ristorante online, mentre è parecchio inferiore il numero di utenti che ha ordinato cibo a domicilio online (28%).

in data:12/06/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo