Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Ristoranti a domicilio: online la prima mini-guida che premia i migliori

Food Mania

Ristoranti a domicilio: online la prima mini-guida che premia i migliori

A realizzarla per le città di Milano, Torino, Roma e Palermo è stata Just Eat con la collaborazione di nove influencer. Quattro i criteri di valutazione: la qualità del cibo, il tempo di consegna, il servizio e la cortesia

Roma- Nel panorama del variegato mondo delle guide enogastronomiche mancava, ora il vuoto è stato colmato. A pensarci è stata Just Eat, azienda  nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio. Ecco quindi che è nata la prima mini-guida digitale ai migliori ristoranti a domicilio visti e  assaggiati dai blogger a Milano, Torino, Roma e Palermo. I protagonisti della pubblicazione sono ovviamente i ristoranti Just Eat. I 9 influencer coinvolti nell’iniziativa,  oltre a ordinare a domicilio,  hanno avuto anche la possibilità di testare il dietro le quinte del servizio di food delivery durante una cena direttamente al ristorante. Nei prossimi mesi saranno aggiunti nuovi ristoranti e nuove città italiane.

Cinque i mesi di esplorazione, da novembre 2016 a marzo 2017 in cui Marco Giarratana - Uomo senza tonno, Sabrina Musco - Freaky Friday, Barbara Torresan - ChezBabs, Sistiana Lombardi - Il blog di Sistiana, Nunzia Cillo - Entrophia, Francesca Gonzales - Spadelliamo insieme a Milano, Anna Marconi - Taste of Runaway a Roma, Meryem Amato -  MeryemAmato a Palermo e Silvia Schirinzi - The Blue Light Eyes a Torino, hanno provato oltre 100 ristoranti e assaggiato specialità, piatti tipici e sapori lontani a domicilio. Un percorso tra le cucine disponibili, che su Just Eat sono circa 70, all’insegna della varietà e con oltre 300.000 piatti presenti.

Quattro i criteri di valutazione: la qualità del cibo, il tempo di consegna, il servizio e la cortesia e un giudizio complessivo sull’ordine a domicilio che racchiude l’intera esperienza. Sono 73 i ristoranti recensiti dagli influencer e oltre 20 quelli consigliati direttamente dalla food community Just Eat scegliendo tra le migliori recensioni e i giudizi più alti ricevuti.

Il progetto- si spiega in una nota-  porta in primo piano il nuovo carattere di Just Eat e il nuovo posizionamento presentato in Italia il 28 febbraio 2017. La nuova mission del brand è infatti quella di costruire la più grande food community al mondo portando a usare il digitale chi ancora non è pratico. Utilizzare servizi come Just Eat- si chiarisce ancora-  non è infatti un’esperienza che sostituisce la cena al ristorante o quella cucinata in casa, ma che si aggiunge a queste due per soddisfare esigenze diverse come la possibilità di scoprire nuovi cibi e sapori scegliendo tra un’infinità di possibilità. La varietà e la scoperta di nuove cucine sono però anche al centro dei bisogni di chi già ordina a domicilio. Secondo un’indagine realizzata su 16.000 utenti Just Eat*, la varietà è un’esigenza per oltre il 74% del campione: amano cambiare cibo e ristoranti, scoprirne di nuovi e possibilmente di culture diverse. Il 63% predilige la varietà per condividerla con gli amici, mentre il 60% desidera cambiare spesso piatti ed ingredienti.

in data:28/04/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”