Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » San Valentino: niente cene romantiche per 5,3 milioni di innamorati

Agronews

San Valentino: niente cene romantiche per 5,3 milioni di innamorati

E’ quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che è superiore ai 200 milioni di euro la perdita subita da ristoranti, trattorie e pizzerie che possono aprire con servizio al tavolo solo fino alle 18,00 e solo nelle regioni gialle

Roma- Niente cene romantiche per 5,3 milioni di innamorati che prima dell’emergenza Covid avevano scelto di festeggiare seduti a tavola nei ristoranti italiani che quest’anno sono costretti alla chiusura serale. E’ quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che è superiore ai 200 milioni di euro la perdita subita da ristoranti, trattorie e pizzerie che possono aprire con servizio al tavolo solo fino alle 18,00 e solo nelle regioni gialle. Ed è boom di prenotazioni per le coppie a pranzo in queste realtà dove si trovano ben l’80% dei servizi di ristorazione per un totale di quasi 280mila ristoranti, trattorie e pizzerie aperti a livello nazionale secondo l'analisi della Coldiretti sulla nuova mappa dei colori con zone gialle, arancioni e rosse.

Le aperture a pranzo per San Valentino  rappresentano – sottolinea la Coldiretti –  una opportunità per oltre 46 milioni di italiani residenti nelle regioni gialle ma anche una boccata di ossigeno per le attività di ristorazione che si classificano tra quelle più duramente colpite dalle misure restrittive che hanno provocato un crack senza precedenti per la ristorazione che nell’ultimo anno per colpa ha quasi dimezzato il fatturato (-48%) per una perdita complessiva di quasi 41 miliardi di euro, secondo le stime Coldiretti su dati Ismea. Nelle regioni gialle la ristorazione al tavolo che – precisa la Coldiretti - è consentita solo dalle ore 5,00 alle 18,00 con la possibilità della consegna a domicilio, nonché fino alle ore 22. per l’asporto. Nelle zone arancioni e rosse – ricorda la Coldiretti – è invece consentita la sola la consegna a domicilio o l’asporto.

in data:13/02/2021

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno