Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » Sempre più "green" il carrello della spesa. Vale 8 miliardi

Filiera Corta

Sempre più "green" il carrello della spesa. Vale 8 miliardi

Lo rileva l’Osservatorio Immagino di Gs1 Italy secondo cui ben 21.213 prodotti riportano in etichetta claim legati al rispetto dell’ambiente e degli habitat

Roma-  Il carrello della spesa degli italiani è sempre più “green”, tanto da arrivare a sfiorare gli 8 miliardi di euro annui. A rilevarlo è l’Osservatorio Immagino di Gs1 Italy secondo cui ben 21.213 prodotti riportano in etichetta claim legati al rispetto dell’ambiente e degli habitat: i più rilevanti per diffusione e sell-out sono 24, suddivisi in quattro macroaree.

La prima per fatturato (3,6 miliardi di euro) raggruppa i claim riconducibili alla gestione sostenibile delle risorse, sia nella fase produttiva che nel packaging. A crescere sono soprattutto le vendite annue dei prodotti con confezione “compostabile” (+55,9%), con “meno plastica” (+21%) o “biodegradabile”. Bene anche i claim “CO2 (+19,1%) e “riduzione impatto ambientale”.

Al secondo posto, con 2,4 miliardi di euro di giro d’affari, il paniere dei prodotti che in etichetta hanno claim che rimandano a un’agricoltura amica dell’ambiente e a modalità di allevamento sostenibili, come “senza antibiotici”(+62% di vendite annue)“ingredienti 100% naturali”, certificazioni Ecocert e claim relativi alla filiera o alla tracciabilità.

Seguono al terzo posto i prodotti attenti alla responsabilità sociale, con 2,3 miliardi di euro di fatturato, dovuto soprattutto al consolidamento delle certificazioni UTZ e Fairtrade. Segno meno invece per le vendite del paniere di prodotti ottenuti nel rispetto e salvaguardia del benessere animale (-0,3%). Un calo imputabile principalmente alla riduzione dei prodotti con il claim “cruelty free”, non compensata dalla lieve crescita dei prodotti certificati Friend of the sea.

in data:10/09/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    "Un americano a Roma" ispira menu di Luce, ristovilla capitolina

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno