Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Sono lombardi i principali appassionati al mondo dei mestoli e dei fornelli

Food Mania

Sono lombardi i principali appassionati al mondo dei mestoli e dei fornelli

A rilevarlo è l'Osservatorio di ProntoPro che ha analizzato numeri e tipologie delle richieste di iscrizione ai corsi di cucina

Roma-  Sono i lombardi seguiti da toscani e romagnoli i primi italiani che viaggiano comodamente seduti intorno alla tavola, a suon di prelibatezze esotiche, caldi piatti nordici, tacos e sashimi. A rilevarlo è l’Osservatorio di ProntoPro.it, portale dei servizi in Italia che ha analizzato le richieste di iscrizione ai corsi di cucina per delineare la mappa degli aspiranti chef viaggiatori italiani. Dal sushi al sashimi, passando per il takoyaki e un buon piatto di ramen, circa il 30% degli interessati alle tradizioni estere ha scelto- si legge in una nota-  di cimentarsi con un corso di cucina giapponese. Il 21% delle richieste raccolte da ProntoPro.it riguarda i corsi di cucina americana, seguita a breve distanza dal numero di richieste per un corso di cucina messicana (18%) e i più interessati a scoprire come preparare delle tacos fedeli alla tradizione sono i veneti, con Vicenza e Venezia in cima al podio. Scorrendo la classifica delle richieste troviamo poi i corsi di cucina cinese (16%) e indiana (15%), che hanno suscitato principalmente la curiosità degli abitanti della provincia di Forlì-Cesena.

Cinque aspiranti chef casalinghi su 10 hanno invece scelto di affidarsi alla nostra tradizione iscrivendosi a un corso di cucina italiana. Sono i romani a dimostrare il maggiore attaccamento alle radici. Per quanto riguarda la top 3 delle preferenze  spazio ad aragoste, polpi e gamberoni con circa il 30% delle richieste riguarda le modalità di preparazione del pesce. Dai segreti del perfetto agnolotto all’arricciatura delle orecchiette, è la pasta a posizionarsi sul secondo gradino del podio, con il 22% di richieste. Medaglia di bronzo invece per le tecniche di panificazione, che raccolgono il 17% delle iscrizioni.

 

Infine secondo le stime dell’Osservatorio ProntoPro.it, per un corso di cucina si spendono in media 30 euro all’ora, con sconti previsti per lezioni di gruppo o acquisto di pacchetti.

in data:31/07/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo