Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Libri da Gustare » Street food all’italiana. Il cibo di strada da leccarsi le dita

Libri da Gustare

Street food all’italiana. Il cibo di strada da leccarsi le dita

Arriva in libreria l’ultimo lavoro di Clara e Gigi Padovani, Street food all’italiana, dedicato a uno dei fenomeni sociali e culinari più attuali e interessanti del momento: il cibo di strada.
Gli autori percorrono la penisola raccontando con parole, immagini, video e interviste (si va dal semplice trippaio a Gualtiero Marchesi) non solo tradizioni e ricette, ma anche storie e protagonisti di un mondo ricco di umanità.

Ed è un viaggio dall’Alto Adige alla Sicilia alla scoperta dei veri food maker italiani: donne e uomini che ogni giorno friggono, impastano, infornano, bollono e arrostiscono per i loro clienti, lontano dai riflettori della Tv. Veri “eroi del quotidiano” che con passione portano avanti un mestiere spesso tramandato di padre in figlio, un lavoro faticoso, duro, ma al tempo stesso pieno di soddisfazioni e di successi. Artigiani della cucina ma anche imprenditori moderni che vedono nello street food il business del futuro: economico e di qualità.

Lungo la strada ci si immerge nei sapori e negli odori delle piazzette napoletane, dei carruggi della vecchia Genova, dei mercati palermitani, veri e propri palcoscenici di questi artisti del cibo; cibo semplice e veloce, da gustare in strada, in piedi, con le mani unte o colanti di crema: il gran fritto di Cesenatico, l’oliva all’ascolana, lo gnocco fritto, la farinata, la pizza con la mortazza, il cinque e cinque di Livorno, il borlengo emiliano, il battilocchio di Napoli, il pani ca’meusa e lo sfincione, la pitta calabrese, il lampredotto, il babà
Ma si fa anche un viaggio nel tempo, dalla puls degli antichi romani, passando per la pizza a libretto della Napoli settecentesca, fino ad arrivare agli avveniristici Street Food Mobile dei giorni nostri.

Lungo il percorso si incontrano anche Massimo Bottura dell’Osteria La Francescana di Modena, Fabio Picchi del Cibreo di Firenze, Davide Scabin del Combal.Zero di Rivoli, Ciccio Sultano del Duomo di Ragusa e Mauro Uliassi di Senigallia; incontri sorprendenti nei quali questi maestri dell’alta cucina - grandi amanti dello street food - parlano della loro passione e rivisitano piatti di strada tradizionali.

Il libro si conclude con un capitolo dedicato a chi vuole dissetarsi on the road, dalle tabernae dell’Impero Romano al Buckeye Cook Book americano, con la prima ricetta del tè freddo. Con tanti abbinamenti per ogni ricetta, dalle birre artigianali ai vini locali alle bevande ghiacciate.
E il viaggio non si esaurisce con la lettura o in cucina, dove viene istintivo correre ad eseguire le ricette: nel libro si trovano una quarantina di Qr Code che rimandano direttamente al sito www.streetfooditalia.it e ad altrettante video interviste realizzate dagli autori. Sono riprese dal vivo, lungo le strade dove nascono questi piccoli capolavori: un contatto diretto che permette ai lettori di immergersi ancor di più dentro i sapori e gli odori del cibo di strada.

Clara e Gigi Padovani
Street food all’italiana. Il cibo di strada da leccarsi le dita
Giunti Editore | 192 pagine | 14,90 euro

in data:21/11/2013

Galleria Video

  • Il cibo di strada di Fede (Decanter-Radio2)

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno