Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Treefolk’s Public House, Whisky e Cask Bar che crea dipendenza

L'indirizzo

Treefolk’s Public House, Whisky e Cask Bar che crea dipendenza

Aperto a Roma da quattro ex publican offre la possibilità di cene gourmet. Tra le novità il Take away in lattina con grafiche da collezione.

Roma- Apre e fa già notizia. Non solo perché è e sarà, come sostenuto dagli ideatori, uno dei più grandi Whisky e Cask bar a Roma con una collezione di 60 etichette di whisky vintage fuori produzione, 500 etichette in mescita e una selezione di 12 birre a pompa e 8 spine, ma perché tra le novità proposte c’è il Take away in lattina con grafiche da collezione. Insomma un locale con l’obiettivo, non solo di sconfiggere i timori da coronavirus, ma di creare dipendenza. Treefolk’s Public House, aperto recentemente nella Capitale (Viale Trastevere, 192) da Andrea e Alessandro Buresti, Simone Casadio e Claudio Moreschini (quattro ex publican), basa la sua ambientazione in un’Inghilterra anni ‘20, suddividendo il locale in tre diverse aree, distinte tra loro.   Entrando nel locale  l’ospite di turno può trovare subito il Cask Bar, con le 12 pompe a vista, e le sedute al bancone,  mentre  accanto c’è  la Sala Camino dedicata alla cena gourmet, caratterizzata da divani Chester che delimitano una piccola area privè, da tavoli in legno, sedie in pelle nere e marroni ed il pavimento avvolto da tappeti persiani e un pianoforte a vista dedicato alla musica dal vivo.  Ultima sala è la Scotch Room con sedute in pelle e sedie rivestite di velluto, un bancone  con una bottigliera in legno con le  etichette di Whisky esposte.  I coperti totali sono in tutto 88, nel rispetto delle misure sanitarie anti-Coronavirus.

La proposta gastronomica parte dalle prime ore del mattino e un’offerta di Speciality Coffee, in particolare  è prevista una sezione dedicata al Gold Trip, il caffè spillato che sta riscuotendo successo nel mondo. La colazione sarà invece composta da 10 tipologie di maritozzi dolci. La cucina è affidata allo chef Valerio Mattaccini, che oltre a curare dalla mattina al pranzo delle colazioni all’inglese incentrate sulle uova, proporrà una cena gourmet che prevede una scelta di antipasti e main course a base di carne, pesce e cacciagione, sia alla carta che in degustazione dove il mondo della birra, del caffè e della mixology si intrecceranno.

Non manca l’offerta dell’aperitivo: ogni drink alcolico e non sarà accompagnata da tre piccoli assaggi del menù e da un welcome drink a base di birra acida. Tra le novità Le Pie salate,  note perchè i marinai inglesi le utilizzavano per trasportare e conservare il cibo come la carne e la verdura. Mattaccini, riprendendo questo concetto inglese, adatterà il tutto ai prodotti italiani per trovare, ad esempio, Pie con pollo alla cacciatora, manzo alla picchiapò e con baccalà mantecato con patata viterbese. Da mezzanotte alle due del mattino, il Treefolk’s proporrà una vasta scelta di piatti più “street”, dal  Fish & chips, passando dai lollipop di pollo fino ad arrivare agli hamburger. (Gia.Pac.)

in data:05/10/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno