Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Trend enogastronomici 2017: in pole position cucina vegetariana e bio, pizza gourmet e carte fusion

Food Mania

Trend enogastronomici 2017: in pole position cucina vegetariana e bio, pizza gourmet e carte fusion

A indicare le tendenze è un sondaggio di TheFork, applicazione per la prenotazione online dei ristoranti. Nella scelta dei locali i criteri più significativi saranno: la presenza di promozioni e la pubblicazione dei prezzi della carta su internet

Roma- Quale saranno le tendenze food del 2017?. Molti in questo inizio di anno su quello che avverrà nei prossimi mesi hanno fatto delle ipotesi, a partire da blasonati critici enogastronomici, per arrivare ai “gastrofighetti” di turno e ai semplici appassionati. L’ultima verità in fatto di mode per il nuovo anno è però di TheFork, tra le principali applicazione per la prenotazione online dei ristoranti che conta 12 milioni di visite al mese. Gli utenti di TheFork interpellati sulla materia sembrano non avere dubbi: per loro si affermerà la cucina vegetariana e bio, seguita dalla pizza gourmet e a parecchia distanza dalle carte fusion.

Ma vediamo in pillole quanto emerso dall’indagine:

1. Piatti vegetariani: piatti veg al centro della scena secondo il report sui food trend di Mintel. “Ci sarà più spazio per novità veggie e con un impatto salutista, visto che nell'ultimo anno è cresciuta molto l'idea di benessere”, concorda la foodblogger Teresa Balzano (Peperoni e Patate).
2. Piatti organici: saranno sempre di più i ristoranti che sceglieranno ingredienti prodotti in modo etico. “Spero che si continuino a riportare al centro del piatto gli ingredienti e i produttori”, auspica la blogger Giulia Scarpaleggia (Julskitchen).
3. Trash Cooking: vedremo emergere una tecnica di cottura basata su scarti e avanzi di cibo. La tendenza potrebbe inquadrarsi in un più generale “ritorno alla tradizione, anche se rivisitata o reinterpretata, e all'utilizzo di materie prime a basso costo, con gli scarti dei vegetali in molti piatti importanti”, fa notare Luca Sessa (Perunpugnodicapperi).
4. Mocktails: secondo il rapporto sui trend culinari di Sterling Rice Group, i drink e i cocktail analcolici troveranno sempre più spazio sulle carte dei ristoranti.
5. Cucina Fusion: “Nuovi locali fusion, tipo i ravioli italo/cinesi di Ghe Sem e tanto ramen”, questa la previsione di Ilaria Mazzarotta (Comfortfoodie).
6. Ristoranti con macelleria: Baum+ Whiteman[4] sottolinea che apriranno sempre più ristoranti annessi alle macellerie. Per Mariacristina Coppeto (News and Foodies) via anche a ristoranti che valorizzano i tagli meno nobili degli animali, come la trippa, la lingua, il midollo, il lattume.
7. Bowls: “Tendenza che si consolida è quella dei bowl che mettono insieme frutta, latte (vegetale soprattutto), semi e cereali”, continua Coppeto. In effetti questo tipo di “ciotola” si presta per i piatti personalizzati e permette di mescolare facilmente diversi sapori.
8. Freakshakes: apparsi in Australia, si stanno già facendo strada a Londra e sono perfetti per essere fotografati e postati sui social. Questi frullati giganti composti da gelato, ciambelle, torte, sciroppi, biscotti, crema, cioccolato, topping e dolcetti sembrano pensati per i clienti millennial.
9. Pizza Gourmet: per Balzano “continuerà l'enorme attenzione verso la pizza, viste anche le guide e le attenzioni crescenti per i pizzaioli”. “Pochi coperti e cucina d'autore”, che sia pizza o no sarà la qualità a essere premiata per Angela Belcastro (Soapmotion).

Nel 2017 la spesa al ristorante in Italia resta inalterata, ma consumatori sono sempre più attenti nella scelta


Metà degli italiani intervistati- secondo il sondaggio di TheFork- si aspetta di andare al ristorante da 2 a 5 volte al mese, mentre il 15,5% pensa di consumare un pasto fuori casa e con servizio al tavolo ogni 30 giorni. Il 36% ha stimato di spendere meno di €10 alla settimana per i soli pranzi al ristorante, mentre il 45% prevede di spendere da €10 a €30. Per le cene il budget si alza leggermente: il 78% dei rispondenti spenderebbe nell’arco di una settimana da €10 a €50. Nel complesso la maggioranza degli intervistati non intende destinare a questa voce più di quanto le abbia destinato nel 2016. Anche le occasioni per cui ci si recherà più spesso al ristorante - in quest’ordine pranzo/cena con gli amici, appuntamento romantico e pasto in famiglia - sono in linea con l’anno appena concluso, mentre sempre più raramente gli utenti vi pianificano incontri d’affari ed eventi aziendali. Nella scelta del ristorante i criteri più significativi saranno: la presenza di promozioni, la pubblicazione dei prezzi della carta su internet, le recensioni online, i menù pubblicati sul web e la prenotazione online. Per nulla influente nella scelta del ristorante il pagamento mobile, mentre per quasi la metà dei rispondenti i giudizi di critiche e guide gastronomiche restano molto influenti. Ne emerge un utente che si documenta sempre di più su piatti, prezzi, offerta gastronomica e giudizi, di esperti e non, prima di decidere dove mangiare. Quanto a tipologia di ristoranti, la pizzeria sarà la meta gastronomica preferita del pubblico italiano, seguita dai ristoranti di pesce, di carne e di specialità regionali. Tra le cucine etniche trionfano il sushi e la cucina asiatica.

 

Ti potrebbe anche interessare

Dal Nord al Sud, ecco il food style dei prossimi dodici mesi scelto per voi

in data:17/01/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo