Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Trentino, in programma la Marcia dell'Uva

Agronews

Trentino, in programma la Marcia dell'Uva

 E’ in programma, all’interno della della Festa dell’Uva di Verla di Giovo (20, 21 e 22 settembre), la Marcia dell’Uva, manifestazione podistica aperta a tutti in programma per domenica 22 settembre. Giunta alla sua 31° edizione, la Marcia è un appuntamento molto amato, che lo scorso anno ha attirato oltre mille partecipanti tra corridori professionisti e tranquilli camminatori. Merito della bellezza del tracciato, che si snoda tra le campagne della bassa Val di Cembra, ma anche del richiamo delle proposte della Festa dell’Uva, che trova proprio in domenica 22 il suo culmine.

 La corsa, inserita all’interno dei circuiti Fiasp, prende il via dalle 9 alle 10 (è possibile registrarsi fino alle 9) per concludersi verso l’ora di pranzo, a seconda della lunghezza del percorso scelto dal partecipante. Sono tre infatti le possibilità, tutte con partenza e arrivo a Verla di Giovo, ma con diversi livelli di difficoltà: da 5 km, adatto anche alle famiglie con passeggini, da 10 km, adatto anche ai non atleti, e da 16 km, per i più preparati. Il primo tracciato tocca i paesi di Verla e di Ceola, il secondo raggiunge Mosana, Palù di Giovo, Ville e Valternigo, mentre il terzo si spinge fino a Maso Spiazol di Verla di Giovo.  Lungo il cammino si incontrano punti sosta che offrono bevande e spuntini a base di prodotti locali, e si scoprono luoghi di interesse storico artistico, come le chiese di S. Giorgio e di S. Floriano e la Torre della Rosa. Vera attrattiva della corsa è però il paesaggio, dolce e collinare, con i filari di viti intervallati dai caratteristici muretti a secco, la cui arte è stata dichiarata pochi mesi fa patrimonio immateriale dell’Umanità dall’Unesco: percorrere i sentieri, a tratti sterrati, e le tranquille strade di campagna che vi si addentrano permette di godere al meglio di questo scenario unico. 

 Dopo la premiazione della corsa, alle 13.00, i partecipanti potranno approfittare della ricca offerta enogastronomica proposta dagli stand della Festa dell’Uva ed assistere poi, alle 14.30, alla sfilata dei carri allegorici, momento saliente della festa.

in data:06/09/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion