Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » Tutti matti per la carne di maiale. La bianca vince sulla rossa

Filiera Corta

Tutti matti per la carne di maiale. La bianca vince sulla rossa

La tendenza sui consumi è dell'Osservatorio di Agriumbria. Nell'ultimo anno le quantità di prodotto portate in tavola dagli italiani sono scese in media a 85 grammi al giorno

Roma- Pazzi per la carne di maiale. Ne mangiamo 37 chili a testa all'anno. Non sfigurano però neanche la carne bovina (21 chili) e quella avicola (19 chili). Il dato sul consumo è dell’Osservatorio nazionale sui consumi delle carni di Agriumbria che sarà presentato nel corso della fiera a Bastia Umbria, nel polo fieristico di Umbriafiere, dal 31 marzo al 2 aprile prossimi. Ad oggi- si spiega in una nota- le quantità di carne portate in tavola dagli italiani sono scese in media a 85 grammi al giorno. Crollano i wurstel (-16,4%), la carne in scatola -9,9%, e la carne rossa -2,8% oltre che il prosciutto crudo -2,4%. La carne rossa viene in parte sostituita con carni bianche, con le preparazioni fresche di carni di animali da cortile e di coniglio a +3% e quelle dal pollame +1,1%. Il consumo medio annuo in Italia di carne (pollo, suino, bovino, ovino) è invece di 79 chilogrammi pro-capite, il più basso in Europa, i danesi sono a 109,8 chilogrammi, i portoghesi 101 chilogrammi, gli spagnoli 99,5 chilogrammi, i francesi e i tedeschi 85,8 e 86 chilogrammi. Stando al consumo negli altri Paesi, quello degli Stati Uniti è superiore a quello italiano del 60%, in Australia del 54%, in Spagna del 29% e in Francia e Germania del 12%

Allo stesso tempo il consumo di carne resta basso ma nel mese di febbraio, complice l'inflazione di gennaio, gli italiani sono tornati ad acquistare il prodotto. I dati registrano, infatti, un aumento degli acquisti del 14% di carne bovina, del 10% di salumi e dell’8% di carne di maiale. Rimane il fatto che per frutta e verdura gli italiani spendono 98,55 euro al mese per famiglia, cifra che sorpassa quella per la carne, scesa a 97 euro al mese con una incidenza del 22% sul totale, ed è diventata la prima voce del budget alimentare delle famiglie con un vero stravolgimento sulle tavole. Tuttavia, il 2016 ha visto ancora una flessione, -5%, dei consumi domestici di carni bovine dopo che anche il 2015 si era chiuso con un -6%. I consumatori di carne sono calati del 7% e in calo, -9%, sono anche anche per la carne fresca di maiale e di pollo, -1% scesa ai minimi dell'inizio del secolo. Nell'ultimo anno sono stati oltre 16 milioni gli italiani ad aver ridotto il consumo di carne rispetto all'anno precedente.

in data:29/03/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”