Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Vino, addio a John Shafer, pioniere della Napa Valley

Agronews

Vino, addio a John Shafer, pioniere della Napa Valley

L'imprenditore statunitense John Shafer, uno dei pionieri del vino di gran qualità della Napa Valley in California, è morto all'età di 94 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dal figlio Doug Shafer, presidente di Shafer Vineyards, l'azienda vitinicola di famiglia al top tra i wine lovers di tutto il mondo per le sue bottiglie pregiate. Nel 1972, all'età di 42 anni, quando lavora come editore di libri scolastici a Chicago, Shafer si trasferì con la famiglia in California per inseguire il nascente business del vino, pur sapendo ben poco all'epoca di enologia, rilevando una dozzina di ettari di vecchi vigneti, piantati nel 1922, pressochè in abbandono.

Nel giro di poco tempo John Shafer riuscì a produrre uno dei primi Cabernet di qualità sui dolci pendii del Napa's Stags Leap District, nel nord della California. Nel 1978 vide ufficialmente la nascita di Shafer Vineyards, una realtà aziendale che ha saputo crescere anno dopo anno confrontandosi con successo con tutte le varietà francesi più importanti, come Cabernet Sauvignon e Chardonnay in primis. L'ingresso del figlio Doug nel 1983, appena laureato in enologia, ha portato ad un ulteriore salto qualitativo. I vini targati Shafer sono considerati luminosi ed eleganti, capaci di raccontare con personalità il territorio che li ha visti nascere come pochi altri in California. Relentless e Hillside Select sono fra gli uvaggi giunti al top delle classifiche della rivista "Wine Spectator".

in data:08/03/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo